Truffa mascherine Regione Lazio: 6 arresti e quasi 7 milioni di euro sperperati

Truffa mascherine: quella subita dalla Regione Lazio è stato uno dei raggiri più crudeli degli ultimi anni.

Antitrust, avviata inchiesta sulle mascherine U-Mask
Antitrust, avviata inchiesta sulle mascherine U-Mask (foto: Pixabay)

Dopo mesi di indagini sono scattato gli arresti per la truffa mascherine che ha coinvolto la Regione Lazio. Per i reati commessi sono state arrestate 6 persone a Taranto. L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata alle truffe per le forniture di mascherine e camici provenienti da Turchia e Cina.

Gli inquirenti hanno sequestrato ben 4 milioni di euro alla società perché proventi illeciti. Una truffa sulla produzione di mascherine che ha fatto indignare l’Europa intera. La promessa di sei milioni di mascherine da consegnare entro il 30 marzo, dall’altro lato un compenso di 10,8 milioni di euro. Il 29 marzo la richiesta di un milione di camici idrorepellenti e di un milione di tute isolanti con l’ammontare complessivo di 14 milioni di euro.

Leggi anche: Truffa delle mascherine cinesi, sequestrati 6 milioni di pezzi

Truffa mascherine: scattano gli arresti

Truffa delle mascherine cinesi, sequestrati 6 milioni di pezzi
Truffa delle mascherine cinesi, sequestrati 6 milioni di pezzi (foto: pixabay)

Dopo aver sottoscritto il contratto di appalto per la produzione di mascherine e camici per la Regione Lazio, quest’ultima, ovviamente, ha provveduto ad emettere l’anticipo di 6,9 milioni di euro complessivi. A quasi un mese di distanza, il 28 aprile del 2020,  la Internazionale Biolife non aveva ancora consegnato all’Agenzia Protezione civile della Regione Lazio alcun dispositivo di protezione individuale.

I Dpi sono stati disponibili solo a partire dal mese di agosto. Peccato che nel momento in cui mascherine e camici sono stati consegnati e conseguentemente utilizzati sono risultati di scadentissima fattura.

Leggi anche: Amuchina e Mascherine: Ecco cosa è bene sapere in tempo di Coronavirus

Per tutti questi motivi sono scattati gli arresti per sei persone di Taranto che dovranno rispondere di associazione per delinquere finalizzata alle truffe per le forniture di mascherine e camici.