Pensioni, 6 modi per ottenere gli assegni prima dei 67 anni

Pensioni: si rischia il blocco. Per chi volesse andare in pensione prima dei 67 anni ci sono 6 possibilità a disposizione.

Pensioni
Coppia (Foto Pixabay)

La situazione che sta vivendo il nostro paese, sotto molti aspetti non ultimi quello economico e sanitario, ha provocato l’abbassamento dell’attenzione su una questione molto delicata, quella delle pensioni. Con ogni probabilità il neo premier Mario Draghi dovrebbe dismettere la tanto discussa quota 100. 

Per trovare una risposta concreta alla questione e per consentire a chi ne sentisse la necessita di andare in pensione anticipatamente, i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil  hanno messo sul tavolo del ministro del Lavoro, Antonio Orlando, una nuova importante proposta. Si tratta di 6 strade possibili da offrire per gli “aspiranti pensionati”.

Leggi anche: Pensione di invalidità 2021: come presentare la richiesta all’INPS

Pensioni: 6 nuove possibilità prima dei 67 anni

Pensioni estero
Pixabay

Tra le 6 nuove possibilità per accedere alla pensione c’è l’età flessibile. Questa opportunità consentirebbe il pensionamento a 64 anni a patto che sia stato maturato un importo di almeno 2,8 volte l’assegno sociale. In alternativa ci sarebbe la strada delle cosiddette “attività gravose”. Questa tipologia di pensioni riguarderebbe chi ha svolto lavori manuali o simili prevedendo, con un requisito minimo contributivo di 36 anni, l’accesso alla pensione a 63 anni.

La terza proposta riguarda le donne e prevede, per chi ha iniziato a lavorare dopo il 1996, 3 mesi di abbuono contributivo per ogni figlio fino ad un massimo di tre. Quindi le mamme con tre figli potrebbero andare in pensione con un anno di anticipo. I sindacati hanno chiesto un intervento anche per giovani e precari, con la creazione di un sistema che garantisca di colmare i vuoti contributivi relativi ai periodi di part-time.

Leggi anche: Pensioni all’estero, come evitare la doppia imposizione

Le ultime due proposte riguardano la rivalutazione dell’assegno e i fondi pensione. In linea generale sulle pensioni di anzianità la proposta è di abbassare il requisito contributivo dagli attuali 42 anni e 10 mesi per gli uomini e i 41 anni e 10 mesi per le donne a 41 anni.