Bonus 110, vademecum dell’Enea per presentare l’APE

Per usufruire del Bonus 110% si  deve presentare l’Ape convenzionale, differente dall’APE tradizionale. In cosa consiste.

energia
(pixabay)

Per accedere alle detrazioni fiscali previste dal Bonus 110 di deve presentare l’Attestato di Prestazione Energetica prima e dopo gli interventi che comportano le migliorie richieste.

L’APE è un attestato già in precedenza utilizzato per fornire a locatori e acquirenti degli immobili le informazioni sulla adeguata condizione energetica dell’appartamento alle norme di legge. Questo certificato è nominato APE tradizionale.

Per accedere al Bonus 110 si deve presentare il cosiddetto APE convenzionale. Questo attestato per essere validato necessita di informazioni differenti rispetto al tradizionale. Si deve dimostrare il miglioramento di almeno 2 classi energetiche; si può applicare ad un intero condominio e non soltanto alla singola abitazione; non è necessario l’invio ai catasti regionali: l’APE convenzionale è redatto solo ai fini dell’accesso al Superbonus.

Come compilare l’APE convenzionale

energia
(pixabay)

Prima di tutto si consiglia di leggere il vademecum disponibile sul sito dell’Enea. Per compilare l’attestato si consiglia di scaricare il modello del 2015 disponibile sul sito apportando alcune modifiche.

Il logo regionale deve essere sostituito con quello del Bonus 110 (rintracciabile sul sito e sul vademecum) per distinguerlo dall’Attestato di Prestazione energetica tradizionale.

Il campo del codice identificativo va lasciato vuoto, ci penserà l’Enea a riempirlo quando verrà accolta la richiesta. Togliere la data di scadenza perchè non è pertinente per il Bonus 110. In alto a destra del modello del compare una dicitura “APE 2015”: cancellare l’anno di riferimento e lasciare semplicemente “APE”. Affianco a “dati generali” si trova uno spazio bianco: inserire la dicitura “Utilizzabile solo ai fini delle detrazioni fiscali del 110%”.

Leggi anche: Bonus 2021, luce e gas saranno automatici per gli aventi diritto

Queste le differenze principali tra il format 2015 e quello valido per il Superbonus. Il resto della compilazione sarà differente per ogni singolo caso di richiesta. Consultare a tal fine il vademecum.