Voucher banda ultralarga, in quale Regione potrà essere richiesto

In una Regione italiana si potrà richiedere il voucher per la banda ultralarga da 500 euro. Ecco dove e come fare.

Voucher banda ultralarga
Pixabay

La giunta regionale della Liguria ha varato la modifica dei criteri con cui le famiglie potranno richiedere i voucher previsti dal bando nazionale del Ministero dello Sviluppo economico della banda ultralarga. Si estende così la platea dei possibili beneficiari a tutto il territorio regionale.

I voucher hanno lo scopo di sostenere con un contributo di 500 euro per Isee fino a 20 mila euro l’acquisto di connettività e digitalizzazione. Inizialmente, era stato stabilito dalla giunta regionale, nel maggio 2020, che a beneficiare della misura sarebbero state le famiglie residenti nei comuni dell’entroterra. L’obiettivo era quello di incentivare gli investimenti nelle zone interne non coperte dal servizio e meno attraenti per gli operatori privati.

Leggi anche: Superbonus, arriva una novità importante col Recovery Plan

Voucher banda ultralarga, tutte le novità

Voucher banda ultralarga
Pixabay

La delibera varata dalla Giunta regionale sarà la causa di una nuova pubblicazione del bando da parte del Ministero dello Sviluppo economico con criteri diversi per l’erogazione delle risorse disponibili restanti.

L’estensione dell’agevolazione sul territorio permette di non far decadere l’opportunità di erogare questi finanziamenti, permettendo a una platea molto più ampia della popolazione di beneficiarne. Restano invariati i limiti Isee e la capienza dei fondi nazionali che per la Liguria sono pari a 2,8 milioni – per la prima ondata.

Leggi anche: Il Fisco batte cassa: questi bonus andranno restituiti

La decisione di estendere il voucher all’entroterra è dovuta alle ridotte domande da parte di queste aree. Così il beneficio è stato ampliato alle famiglie richiedenti su tutto il territorio regionale.

Diversi operatori del settore wireless hanno eseguito importanti investimenti nelle infrastrutture per garantire la copertura di vaste zone regionali interne e quindi rendere concreta e funzionale l’offerta del servizio.