Bonus genitori, sussidio da 258 euro per il 2021: come funziona

I genitori di bambini affetti da ipoacusia grave o sordità possono chiedere un sussidio statale di 258 euro mensili. Come funziona la richiesta

supporto
(pixabay)

La normativa statale prevede sovvenzioni ed ausili per i soggetti con disabilità certificata. Anche i genitori di figli con disfunzioni gravi possono accedere a queste forme di sussidio. Le categorie protette comprendono molte forme di disabilità, e l’accesso all’indennità dipende in buona parte dalla percentuale di disabilità del soggetto in questione.

Nel caso di sordità totale o di ipoacusia grave lo Stato mette a disposizione un assegno mensile per le famiglie. Non è necessaria la presentazione dell’ISEE, il contributo per le famiglie prescinde dalla fascia di reddito. Un DM del 1992 distingue la somma dovuta nel caso si tratti di un minore di 12 anni o meno.

Leggi anche: Germania, Apple fa un investimento miliardario: l’Europa si prende il mercato dei chip

Come inoltrare la domanda all’Inps

supporto
(pixabay)

L’elargizione del sussidio per le famiglie non è automatico, bisogna inoltrare formale richiesta all’Inps. Innanzitutto serve che il medico di base certifichi la disabilità richiesta ed che fornisca il documento di attestazione d’invalidità, chiamato codice univoco.

Questo codice deve essere inviato telematicamente all’Inps. L’ente di conseguenza accerterà la validità della documentazione presentata ed organizzerà una visita medica con una Commissione apposita riunita per redigere il certificato di invalidità. La domanda si può effettuare tramite il portale Inps; in alternativa rivolgersi ad un Caf o ad un Patronato.

Leggi anche: Quanto guadagna Oprah Winfrey? Gli incassi della celebre presentatrice

Se la domanda verrà accettata, dal mese successivo all’espletamento delle pratiche la famiglia inizierà a ricevere l’assegno richiesto. L’ammontare per il 2021 è di 258,82 euro mensili.