Rc auto, il bonus-malus non funziona più: va rivisto

Il bonus malus per l’Rc auto non funziona più. A denunciarlo la presidente Maria Bianca Farina alla commissione Finanze della Camera.

Rc auto
Pixabay

Secondo la presidente di Ania – l’Associazione nazionale delle imprese assicuratrici – Maria Bianca Farina, la modalità Rc auto del bonus-malus non funziona più. Questa la tesi che avanzato in commissione Finanze della Camera.

Il sistema delle classi di merito, con l’84% dei clienti nel 2019 in quella più alta, “non svolge più la propria funzione educativa e premiante dei comportamenti virtuosi“. Cambiare questo modello sarebbe una vera e propria rivoluzione per il settore dell’Rc auto.

Nella stessa occasione la presidente Farina ha espresso anche il suo giudizio in merito alla proposta avanzata dal Movimento 5 Stelle su questo argomento. Il passaggio più complesso del documento, ovvero il meccanismo delle recensioni è stato bocciato da Ania perché “creerebbe maggiori inevitabili costi nella gestione del cliente senza aggiungere particolare valore rispetto a quanto già disponibile“.

Per chi non conoscesse la proposta in esame, il suddetto sistema consisterebbe nello stilare una classifica delle compagnie assicurative più virtuose.

Leggi anche: Bollo auto, una Regione sospende il pagamento fino a luglio

Rc auto, la proposta dell’Associazione nazionale delle imprese assicuratrici

Rc auto
Pixabay

Ania ha proposto di attribuire al ministero dell’Interno il controllo delle azioni e di utilizzare un archivio che metta insieme tutte le informazioni disponibili tra Pra, ministero dei Trasporti e compagnie assicurative.

Leggi anche: Bollo auto: Draghi lo cancella ma l’esenzione non è automatica

Intanto, ha proseguito la presidente Bianca Farina sarà necessario potenziare i controlli. Un esempio potrebbe essere impiegare i dispositivi automatici Telepass, autovelox e le telecamere delle zone a traffico limitato per vedere le targhe e verificare che siano state assicurate.

Le informazioni ottenute – relativamente al 2020 – mediante i controlli elettronici su oltre 1,7 milioni di mezzi hanno fatto scoprire ben 32 mila auto non assicurate, su un totale presunto di oltre due milioni e mezzo di veicoli che circolano privi di assicurazione.