DL Sostegno, bonus da 3000 euro per alcune categorie di lavoratori

La bozza del DL Sostegno comprende dei sussidi per fronteggiare la crisi. 3000 euro di bonus previsti per alcune categorie.

crisi
(pixabay)

Da settimane il Decreto Sostegno che sta per uscire è al centro degli argomenti trattati da tutti i canali d’informazione. Col crescere dell’attesa aumentano anche le congetture sulle strategie principali che il nuovo governo vuole mettere in campo per sanare una situazione economica e sanitaria ormai vicina ad un crollo.

La bozza del Decreto è stata resa pubblica e se ufficializzata, fornirà aiuto a molte categorie in crisi. Negli ultimi mesi sono giunte numerose istanze con richieste di sostegno da parte di classi di lavoratori e disoccupati che sono rimasti esclusi dai precedenti ristori. L’attuale governo dovrebbe accoglierle tenendo presente le mutate condizioni di reddito e di vita per ciascuna categoria.

Leggi anche: Rincaro benzina, gestori contro l’aumento dei prezzi

3000 euro per turismo e spettacolo

turismo crisi
(pixabay)

Uno dei settori più colpiti è stato il turismo. Il bel paese si è visto sottrarre una delle sue principali fonti di reddito. Organizzare un sostegno economico su scala di priorità per il settore turistico non è semplice. Sono diverse le risorse messe in gioco: i trasporti, gli alloggi con o senza partita IVA, le guide turistiche, i lavoratori stagionali etc.

Le categorie con numero di interessi minori sono le ultime che vengono trattate. Il nuovo governo dovrebbe prevedere un bonus da 3000 euro, suddiviso in 3 mensilità da 1000 euro, per i lavoratori stagionali del settore turismo e dello spettacolo. I beneficiari sono gli stessi elencati nel decreto dello scorso agosto.

Leggi anche: Lego, numeri da record nell’anno della pandemia Covid

Potranno beneficiare di questo bonus le seguenti categorie: lavoratori stagionali, del turismo e non; lavoratori dello spettacolo; lavoratori in somministrazione; lavoratori con vendite a domicilio; lavoratori autonomi occasionali; lavoratori a tempo determinato del settore turistico.

Per tutti gli altri, ovvero i lavoratori stabilizzati, è prevista una proroga della cassa integrazione.