Congedo papà, aumentano i giorni in caso di nascita, affido o adozione

Congedo papà, ci sono buone notizie per i genitori dipendenti: la Legge di Bilancio ha infatti aumentato i giorni a disposizione per un padre alla nascita o all’arrivo di un figlio. 

Foto Pixabay

Aumentano i giorni a favore di un lavoratore che diventa papà. La conferma giunge anche dalle pagine sociale dell’Inps: Aumentato a dieci il numero dei giorni di Congedo Papà obbligatorio rivolto ai padri lavoratori dipendenti. La Legge di Bilancio 2021 ha ampliato la fruizione del congedo anche nel caso di morte perinatale del figlio. Per il 2021 è confermata la possibilità di fruire di un giorno di congedo facoltativo in alternativa alla madre”.

Leggi anche: Bonus famiglie, più di 1.000€ di nuovi aiuti: i dettagli

Congedo papà, passano a 10 i giorni usufruibili 

Assegno unico
Fmiglia (Foto Pixabay)

Si ricorda che l’intervento è mirato, appunto, ai genitori lavoratori dipendenti che hanno avuto un figlio naturale o che hanno adottato o adottato un bambino. Il diritto, indipendente da quello della madre, è tuttavia esercitabile non oltre il 5° mese dalla nascita o dall’ingresso in famiglia del piccolo. I giorni possono essere usufruiti anche in maniera non continuativa.

Leggi anche: Bonus mamma 2021, i requisiti per la domanda all’Inps

La novità, adesso, è il passaggio da 7 a 10 giorni per chi ha ricevuto una tale gioia dal 1° gennaio al 31 dicembre. Un periodo di non lavoro che verrà coperto direttamente e completamente dall’Istituto nazionale della previdenza sociale con un’indennità del 100% all’azienda. L’opzione è esercitabile anche in caso di una drammatica morte perinatale del bambino in arrivo.