Bonus badanti da 1.000€: arriva una grossa novità in Italia

Un Tribunale ha condannato l’Inps a rivedere le sue posizioni per quanto concerne il bonus badanti.

Bonus badanti
Pixabay

Dall’inizio della pandemia, i badanti, come colf e baby sitter, non hanno ricevuto molte agevolazioni economiche. A dire la verità glien’è stata riconosciuta soltanto una da 500 euro per due mesi del 2020.

Si tratta del cosiddetto bonus badanti corrisposto ad aprile e maggio su disposizioni del Decreto Rilancio – il secondo provvedimento varato dal governo Conte per contenere i danni economici dell’emergenza Coronavirus.

Il bonus, però, a causa di una serie di limitazioni non fu erogato a tutti i lavoratori. In special modo, l’Inps diede al provvedimento del governo alcune interpretazioni particolari che restrinsero di molto la platea dei beneficiari.

Una sentenza del Tribunale del Lavoro di Genova, però, ha ribaltato la situazione, bocciando l’interpretazione dell’Inps che escludeva dal bonus i badanti precari.

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza, chi può ricevere i 3 bonus Inps

Bonus badanti, effetto retroattivo per i badanti precari

Bonus badanti
Pixabay

Il decreto Rilancio aveva previsto il bonus badanti e collaboratori domestici per i non conviventi con il datore di lavoro e che “alla data del 23 febbraio 2020, avevano in essere uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva superiore a 10 ore settimanali”. Per beneficiare del bonus, quindi, bisognava essere iscritti come lavoratori domestici.

Con la sentenza del Tribunale di Genova il provvedimento si estende anche ai badanti precari. Questo significa che potranno ricevere i mille euro – 500 al mese per due mesi – anche i badanti che prestano servizio attraverso le Agenzie di fornitura di lavoro, ovvero le Agenzie di lavoro interinale.

Leggi anche: Bonus 110, cos’è la cessione del credito e come ottenerla

Questi lavoratori, infatti, a causa della tipologia del rapporto di lavoro con l’Agenzia di fornitura di lavoro interinale, non sono indicati come domestici. Ora, però, dovranno essere risarciti con effetto retroattivo del bonus.