Pensione, chi potrà richiedere Quota 100 dopo il 2021

La sperimentazione di Quota 100 sta giungendo al termine, alcuni però potranno continuare ad andarci in pensione dopo il 2021.

Pensione
Pixabay

La fase di sperimentazione di Quota 100 è alle sue battute conclusive. La scadenza di questa formula pensionistica, infatti, è fissata per fine anno. Le probabilità che sia rinnovata sono praticamente prossime allo zero.

La misura sperimentale, varata durante il governo Lega-Movimento 5 Stelle, prevede una pensione anticipata con 62 anni di età e 38 di contributi. A sancirlo l’art.14 del D.L. n. 4/2019. Tale provvedimento è stato introdotto come alternativa alla pensione anticipata ordinaria che non mette limiti sull’età, ma richiede tassativamente 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne.

Si ricorda, però, che vi sono delle condizioni che permettono di andare in pensione con Quota 100 anche dopo la sua scadenza.

Leggi anche: Pensione sociale INPS: come riceverla senza i contributi versati

Pensione, in quali casi si potrà continuare a usufruire di Quota 100

Pensione
Pixabay

Secondo quanto sancito dalla normativa attualmente in vigore, possono beneficiare di Quota 100 tutti coloro che ottengono i requisiti entro il 31 dicembre 2021. Ciò vale a dire che il lavoratore, una volta raggiunti i requisiti entro la data di scadenza fissata, potrà esercitare il suo diritto anche in un secondo momento.

Quindi, coloro che svilupperanno i requisiti per Quota 100 entro dicembre 2021, potranno decidere di avanzare la propria richiesta anche nel 2022 o negli anni successivi. In tali circostanze, si parla di un diritto al trattamento previdenziale cristallizzato.

Proroga o meno, i contribuenti che avranno acquisito il diritto ad accedere a Quota 100 entro il 31 dicembre 2021 potranno sfruttarlo anche in un secondo momento. Soltanto in questo caso si potrà accedere a Quota 100 dopo la fine dell’anno.

Leggi anche: Pensione, come andarci con pochi anni di contributi

Nei prossimi mesi arriveranno notizie ufficiali dal nuovo governo sul futuro della riforma delle pensioni.