Assegno di mantenimento familiare, è possibile la riduzione per il Covid

L’assegno di mantenimento che deve essere versato dai padri separati può essere ritrattato a fronte della riduzione dei redditi da pandemia.

assegno
(pixabay)

Si narra molto spesso delle difficili condizioni in cui vivono le donne separate. I mariti divorziati sono tenuti ad elargire un assegno mensile per garantire all’ex moglie uno stile di vita dignitoso. La legge protegge il più debole economicamente e nella maggior parte dei casi a guadagnare di meno è la componente femminile della coppia. La cifra dovuta aumenta nel caso in cui si abbiano figli; il genitore che non vive con la propria prole deve contribuire al 50% del loro mantenimento.

Da queste norme scaturisce una condizione di difficoltà economica per i padri divorziati. Il film “gli equilibristi” di Ivano De Matteo del 2012 racconta la difficile situazione in cui si trovano i padri divorziati, che per fronteggiare le legittime richieste economiche della moglie cadono in una spirale di povertà.

Un rapporto dell’Eurispes 2016 rivela che in Italia 800.000 padri separati vivono sotto la soglia di povertà, e spesso sono costretti a rivolgersi ad enti di assistenza quali la Caritas.

Come è intuibile, il Covid ha acuito questo problema. Tra casse integrazioni, perdita di lavoro e riduzione dello stipendio l’”esercito dei nuovi poveri” è in aumento.

Leggi anche: Offerta di lavoro esercito, aperti tre bandi per 438 posizioni 

La rimodulazione dell’assegno di mantenimento

divorzio
(pixabay)

Nella condizione di emergenza in cui si trova l’Italia il genitore tenuto a versare l’assegno di mantenimento può richiedere di ritrattare la cifra in virtù della nuova condizione economica. La crisi non può essere ovviamente un escamotage per non pagare alimenti e mantenimento dei figli, per cui la decisione è rimandata ad un giudice.

Leggi anche: Inps, quando arriva la Certificazione Unica 2021 e chi deve scaricarla

Il marito/padre interessato deve far richiesta formale esibendo la documentazione che attesti una riduzione sostanziale del reddito a seguito della pandemia. L’accettazione dell’istanza non è obbligatoria, dipenderà dalle valutazioni che il giudice effettuerà su ogni singolo caso.