Rincaro benzina, confermato il trend di crescita dei prezzi

Nonostante il momento così difficile, continua ad aumentare il rincaro della benzina. Codacons lancia l’allarme stangata.

Rincaro benzina
Pixabay

In un periodo storico così complesso per cittadini e imprese, iniziano a presentarsi le prime sfide legate alla ripartenza. Sarebbe proprio questo il motivo del rincaro benzina, cominciato già con l’arrivo del nuovo anno.

I prezzi, infatti, hanno subito una crescita del 7%: un trend che non accenna a cambiare. Questo significa che i cittadini non solo pagheranno di più il pieno della propria auto, ma anche una serie di prodotti influenzati dal costo del petrolio – ne sono un esempio tutti quelli trasportati su gomma.

Nei giorni scorsi, il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, ha lanciato l’allarme. Il rischio a cui si va incontro, secondo lui, è quello che l’aumento dei prezzi della benzina e del gasolio produca rialzi generalizzati per ortofrutta e beni alimentari. Questi, infatti, sono prodotti che, come tutti sanno, viaggiano su gomma. Inoltre, il rincaro della benzina “avrà ricadute negative su tutto il comparto dell’energia, con inevitabili aggravi di spesa per i consumatori“.

Leggi anche: Pensione sociale INPS: come riceverla senza i contributi versati

Rincaro benzina, prezzi medi e aumenti percentuali

Rincaro benzina
Pixabay

Secondo quanto reso noto da Quotidiano Energia e ripreso su La Stampa, la settimana appena trascorsa si è chiusa con un prezzo medio della benzina che si aggirava intorno a 1,537 euro al litro. Il costo del diesel, invece, si è registrato su 1,408 euro al litro.

Si tratta di un incremento rispettivamente del 6,6% e del 6,7%, se confrontato con i costi registrati a inizio anno. Tutto questo si traduce in quasi 5 euro in più per un pieno di 50 litri, se confrontato con i prezzi di gennaio.

Leggi anche: Spese sanitarie disabili: quali si possono dedurre dalle tasse?

Una cifra significativa che si farà sentire ancora di più sul lungo termine. Secondo le stime dell’Unione consumatori il rincaro si tradurrà in 114 euro in più all’anno per la benzina e in 107 euro in più per il diesel.