WhatsApp, la nuova “Truffa a 6 cifre”: cos’è e cosa fare per evitarla

Una nuova truffa su WhatsApp, se non si sta attenti si rischia di perdere il controllo dell’applicazione. Come bisogna comportarsi

whatsap
(pixabay)

Le truffe imperversano su social ed applicazioni di chat. Come funzionano? Generalmente si fa affidamento sulla personalizzazione del messaggio inviato alla vittima, ovvero sul fatto che se un messaggio “è destinato proprio a noi”, non può essere dannoso.

Niente di più errato. I messaggi diretti al soggetto del raggiro spesso sono costruiti ad hoc per la vittima inconsapevole, creando un contatto diretto per poi truffarla. Basta un clic o la risposta ad un messaggio apparentemente innocuo ed i pirati del web si impadroniscono di dati sensibili o peggio del controllo sul device.

Leggi anche: WhatsApp: i messaggi spam si bloccano così

La truffa a 6 cifre, come difendersi

chat
(pixabay)

Di recente è stata creata una truffa su WhatsApp, la cosiddetta “Truffa a 6 cifre”. Funziona così: l’hacker in questione installa WhatsApp e registra un numero di telefono che non è il suo. Com’è noto, l’applicazione invia per SMS un codice a 6 cifre per verificare che il telefono corrisponda all’account.

Dopo poco si riceve da un contatto un messaggio WhatsApp che recita: “ciao, di ho inviato per sbaglio un codice a 6 cifre, puoi rimandarmelo?”, se si esegue, la truffa è fatta. L’hacker registra sul proprio telefono il codice e si perde il controllo dell’applicazione WhatsApp, rubrica compresa. In brevi termini, l’applicazione viene installata sullo smartphone dell’hacker con il numero di telefono del soggetto raggirato.

Leggi anche: Truffa gasolio, la Guardia di Finanza sequestra 2 mln di beni a 5 imprese

Se dovesse accadere si può correre ai ripari. Basta contattare immediatamente WhatsApp tramite il sito ufficiale e seguire le istruzioni per riprendere possesso dell’account.

Il caldo invito è di fare attenzione quando si ricevono messaggi sospetti, ed eventualmente segnalare la questione per vie ufficiali.