Alitalia, Inps continuerà a erogare le indennità integrative

L’Inps ha confermato che continuerà a erogare le indennità integrative sugli stipendi dei dipendenti Alitalia.

Alitalia Inps
Pixabay

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha dato l’ok per continuare a corrispondere le indennità integrative sugli stipendi del personale della compagnia di bandiera Alitalia. Questo avverrà secondo le retribuzioni dichiarate dall’azienda per la mensilità di novembre 2020.

Tale periodo, infatti, corrisponde con la prima mensilità del nuovo intervento deliberato dal Fondo di solidarietà del Trasporto aereo. Il provvedimento integrativo resterà in vigore fino a quando si resterà in attesa che siano completate le verifiche in corso con la compagnia aerea. A renderlo noto è stato l’Inps stesso in una nota.

Leggi anche: Alitalia, stipendi di febbraio pagati in ritardo: protestano i sindacati

Alitalia, l’Inps continua a erogare le indennità integrative per il personale

Alitalia Inps
Pixabay

Nel comunicato dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale si può leggere che con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’ente “ha valutato opportuno continuare ad erogare le indennità integrative al personale di Alitalia“. Tale decisione deriva dal perdurare della situazione di emergenza legata alla pandemia da Coronavirus.

La nota si conclude spiegando che la decisione è stata ufficializzata durante la riunione del Comitato del Fondo di solidarietà del Trasporto aereo tenutasi nella mattina del 26 febbraio.

Inoltre, il commissario straordinario di Alitalia, Giuseppe Leogrande, nel corso di un incontro tenutosi nel pomeriggio del 23 febbraio, ha comunicato ai sindacati di categoria che gli stipendi di questo mese saranno pagati in ritardo.

Leggi anche: Bonus Irpef, il Fisco annuncia la restituzione per 1,5 mln di dipendenti

L’ente ha giustificato il ritardo spiegando che ha bisogno di più tempo per calcolare esattamente il valore dell’integrazione sul periodo in esame.

sindacati si recheranno sotto la sede Inps di Roma Eur alle 10:30 del primo marzo per sottolineare al presidente e al direttore centrale dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale le criticità vissute dal personale della compagnia di bandiera italiana.