Bonus cashback, potrebbero esserci spiacevoli novità in vista. Ecco quanto sta infatti valutando il governo a causa dei troppi furbetti. 

Bonus Cashback
Pixabay

Possibile colpo di scena in Italia sul fronte cashback. Secondo quanto infatti rivela una fonta autorevole come QuiFinanza.it, il governo starebbe valutando un clamoroso stop per il super premio da 1.500 euro in virtù dei troppi illeciti compiuti. L’interruzione del concorso andrebbe fino a dicembre, tempo necessario per ridisegnare il programma e renderlo piùsicuro, ma non si escluderebbe a quel punto anche un blocco definitivo di un’iniziativa partita soltanto due mesi fa.

Cashback, decisione drastica in arrivo causa furbetti? 

Bonus Cashback
Pixabay

Alla base della questione, del resto, ci sarebbe anche un tesoretto di circa 500 milioni di euro che potrebbe essere risparmiato e reinvestito altrove. Ciò non toglie che resterebbe regolarmente invece il bonus normale da 150€, ottenibile attraverso 50 operazioni con carta di credito.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, aumento in arrivo? Cosa prevede il Recovery Plan

Al momento ci sarebbe un’unica soluzione per tenere in vita il supercashback: l’introduzione di un algoritmo che permetterebbe di individuare e inibire le micro-operazioni o altre furbate di vario tipo. Un’opzione – rivela il quotidiano – in effetti già presa in considerazione dal Ministero dell’Economia.

Leggi anche: Draghi, presto il rinnovo dell’assegno di ricollocazione per i lavoratori

Questa tecnologia non solo dovrebbe individuare e depennare le operazioni di pochi centesimi ed euro che verrebbero fatte in maniera strategica, ma terrebbe in considerazione anche le tempistiche degli acquisti in uno stesso negozio. Un mezzo, pertanto, che andrebbe anche a individuare subito chi prova a fare il furbo con tanto di esclusione immediata dal concorso.

La soluzione finale potrebbe essere una combo di queste due scenari: prima uno stop per l’intero 2021, poi l’introduzione dell’algoritmo che ridurrebbe al minimo le sbavature nel nuovo anno. Valutazioni in corso, col verdetto atteso a strettissimo giro in virtù anche delle polemiche che nel frattempo non si fermano.