È stato confermato il pagamento anticipato delle pensioni per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021.

Pensioni marzo
Pixabay

Il pagamento anticipato delle pensioni è stato confermato per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021. A tal proposito, la Protezione civile ha diffuso l’ordinanza con le date ufficiali di pagamento.

L’ordinanza della Protezione civile ha reso note le informazioni per il pagamento delle pensioni per il mese di marzo 2021 e le date ufficiali anche per i mesi di aprile e maggio. Nei prossimi giorni anche l’Inps pubblicherà il messaggio sulla sua pagina internet con il calendario ufficiale. Le pensioni sono state anticipate mensilmente a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Leggi anche: Pensioni, rischio sospensione a marzo per queste categorie

Pensioni, le date ufficiali di marzo

Pensioni marzo
Pixabay

Questa misura è stata introdotta per tutelare il diritto delle prestazioni pensionistiche. L’ordinanza pubblicata dalla Protezione civile su questo argomento è la n. 740 del 12 febbraio 2021 a firma del capo Angelo Borrelli. In particolare, all’articolo 1 si chiarisce che, per il pagamento anticipato delle pensioni, Poste Italiane hanno piena facoltà di organizzare in sicurezza il diritto alla riscossione.

Si ricorda che i pensionati con un’età anagrafica superiore a 75 anni possono fare richiesta del pagamento a domicilio. A effettuare la consegna dell’assegno sono direttamente i Carabinieri. Tale servizio è gratuito e garantito da una convenzione stipulata tra Poste Italiane e il corpo dei Carabinieri. Per richiedere il servizio è necessario telefonare al numero verde 800 55 66 70.

I pagamenti degli assegni dei delle pensioni, delle indennità di accompagnamento per gli invalidi civili e dei trattamenti pensionistici, saranno erogati in queste date:

  • marzo: dal 23 febbraio al 1° marzo 2021;
  • aprile: dal 26 marzo al 1° aprile 2021;
  • maggio: dal 26 aprile al 1° maggio 2021.

Leggi anche: Pensioni, pagamento anticipato Marzo 2021: le possibili date

L’Inps dovrà segnalare il calendario esatto con le lettere del cognome e le date, in cui i pensionati potranno andare presso gli uffici postali per ritirare il proprio assegno.