Le agenzie di stampa italiane hanno diffuso la notizia dell’attivazione del sito Portale Reclami Cashback per inviare tutte le segnalazioni sul bonus.

Bonus Cashback
Pixabay

Il bonus Cashback, introdotto dal governo Conte, è stato più volte al centro di critiche legate ai numerosi problemi tecnici. Tra i più discussi, la mancata registrazione sull’AppIo di alcune transazioni elettroniche effettuate.

Proprio per questo motivo, è stato inaugurato il Portale Reclami Cashback. A darne la notizia sono state tutte le maggiori agenzie di stampa italiane. Qui i cittadini potranno inoltrare le loro segnalazioni in caso di accredito mancato o inesatto dei rimborsi previsti.

Il Portale Reclami Cashback è stato creato dalla società Consap. Lo scopo è quello di gestire le pratiche di reclamo del programma. Usare questo nuovo sito è molto facile. Scendendo fino al fondo della pagina si troveranno le funzioni di accesso e registrazione al portale. Sarà sufficiente seguire le istruzioni per attivare il proprio profilo utente.

Una volta entrati, si potrà procedere con l’inserimento del reclamo. Il sito chiederà all’utente di allegare alla richiesta la documentazione che la giustifichi. Un esempio può essere lo scontrino che attesti l’avvenuto acquisto. Completate le pratiche di reclamo, si riceverà una risposta entro 30 giorni.

Leggi anche: Bonus Cashback, le transazioni necessarie per i 1.500€

Bonus Cashback, come fare per ricevere i soldi spettanti

Bonus Cashback
Pixabay

Si consiglia di controllare direttamente sul Portale Reclami se ci sono eventuali controversie da verificare. È molto probabile che saranno validate centinaia di transazioni ancora non registrate.

Leggi anche: Bonus Cashback, governo annuncia nuove misure anti furbetti

Per sapere se il problema è stato risolto, basterà controllare la propria email. Ogni avanzamento di stato sarà segnalato sia nella casella di posta personale sia nell’area privata del proprio profilo sul portale stesso. Nella fase iniziale, le istanze accettate saranno quelle presentate dall’8 al 31 dicembre che, potranno essere avanzate entro il 29 giugno 2021.