Nel suo ultimo post, l’Inps ha diffuso una comunicazione importante sull’Isee 2021 e sulle DSU presentate in ritardo o con delle discordanze interne.

Inps
Pixabay

Inps per la Famiglia, attraverso il servizio social #InpsComunica, nel suo ultimo post ha fornito informazioni molto importanti sulla dichiarazione Isee 2021. Inoltre, ha chiarito anche alcuni punti sulle discordanze nella DSU.

Di seguito il messaggio social scritto dall’Inps.

Con le recenti elaborazioni di Reddito di Cittadinanza #RdC abbiamo reso trasparente la mancata presentazione delle #DSU 2021, al 31 gennaio 2021, per le domande in corso.
Invitiamo coloro che non hanno ancora presentato la nuova DSU a farlo. Nulla cambia sui tempi di rinnovo.
Tutti gli enti abilitati potranno effettuare controlli sull’esistenza di eventuali discordanze segnalate, accedendo al SIUSS – Casellario dell’Assistenza
“.

Leggi anche: INPS, entro il primo marzo alcuni pensionati dovranno inviare un documento

Inps, introdotto il Casellario dell’Assistenza

Inps
Pixabay

La compilazione in automatico della DSU potrebbe essere la causa di alcune discordanze nei dati. Questa situazione si può presentare anche nel caso in cui si riportino a voce dei dati sbagliati magari al consulente o a un Caf.

Con un apposito allegato, l’Inps ha precisato che è stato introdotto il SIUSS, Casellario dell’Assistenza. Questo nuovo strumento sarà utile agli enti erogatori per verificare eventuali discordanze su:

  • i redditi;
  • il patrimonio mobiliare;
  • la composizione del nucleo familiare dichiarato dal cittadino rispetto a quello riscontrato negli archivi comunali;
  • il patrimonio immobiliare.

Leggi anche: Prestito Inps, chi può presentare la richiesta per il finanziamento

Di seguito due frasi dell’Inps che sintetizzano la parte operativa del SIUSS:

“Gli stessi Enti potranno prendere visione dei dettagli (tipologia, caratteristiche della prestazione erogata e codice fiscale del beneficiario), accedendo alla funzione di Consultazione del SIUSS, cliccando sulla voce Ricerche puntuali > Protocollo DSU e inserendo nell’apposito campo l’anno e il protocollo indicati nella PEC oppure selezionando la ricerca per Anagrafica e inserendo il codice fiscale di un soggetto beneficiario.”