La lista dei bonus disabili, previsti dalla Legge di Bilancio per il 2021, è molto lunga. L’attenzione per questi cittadini è stata confermata dall’introduzione del Ministero alle politiche per la disabilità del governo Draghi.

Bonus disabili
Pixabay

La Legge di Bilancio 2021 ha previsto diversi bonus per il sostegno delle persone disabili. Per prima cosa si segnala il raddoppio dei contributi alla FISH. Quest’ultima è la Federazione Italiana Superamento Handicap. I fondi destinati alla Federazione sono passati da 400 milioni di euro a 800 milioni di euro.

Il Superbonus del 110%, poi, è a favore di interventi finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche. Queste devono essere opere che facilitino i movimenti interni e/o esterni all’abitazione, per le persone colpite da grave disabilità.

Inoltre, sono, stati previsti gli aumenti per due fondi. Il primo è quello per le non autosufficienze che è stato incrementato di 100 milioni arrivando a 668 milioni in totale. Il secondo è il fondo dopo di noi, a cui sono stati aggiunti 20 milioni, per una cifra totale di 76 milioni.

Leggi anche: Rimborso Irpef, quali spese per i disabili lo garantiscono

Bonus Disabili, i fondi a favore dell’autismo

Bonus disabili
Pixabay

La Legge di Bilancio prevede ulteriori 50 milioni di euro per il 2021 per i soggetti colpiti da autismo. Inoltre, per il triennio 2021-2023, sono stati riservati 6 milioni di euro all’anno per la lotta alle discriminazioni.

Un’attenzione particolare è stata riservata anche alla mobilità. La Legge di Bilancio, infatti, stanzia 3 milioni di euro per quest’anno e 6 milioni per il prossimo, per creare parcheggi per disabili. I contributi arriveranno ai comuni che provvederanno a realizzare spazi di sosta per veicoli adibiti al trasporto di persone con invalidità.

Leggi anche: QR-Code Inps, il nuovo servizio per le persone con disabilità

Infine, si segnala il contributo per le famiglie con figli disabili. Il beneficio è valido per 3 anni, per le madri disoccupate o monoreddito con figli a carico, affetti da una disabilità di almeno il 60%. La misura ha un valore massimo di 500 euro netti al mese.