Artigiani e commercianti possono usufruire di un bonus che permette di ridurre i contributi Inps che queste categorie di lavoratori sono costrette a versare ogni anno in base ai guadagni annuali.

Bonus INPS per artigiani e commercianti
Bonus INPS per artigiani e commercianti (foto: Pixabay)

In caso di contrazione significativa dei guadagni, artigiani e commercianti possono richiedere una riduzione dei contributi Inps obbligatori. La procedura riguarda over 65 e quanti hanno aderito al regime forfettario.

Leggi anche: Bollo Auto, come far rientrare la spesa nel Bonus Cashback

Bonus Inps: chi può chiederlo e cosa occorre fare

Bonus INPS per artigiani e commercianti
Bonus INPS per artigiani e commercianti (foto: Pixabay)

Per richiedere il Bonus occorre essere un commerciante o un artigiano. Per chi ha più di 65 anni, il bonus si concretizza in una riduzione del 50% dei contributi da versare. Per chi rientra nel regime agevolato la riduzione è invece pari al 35% delle imposte.

Sono, quindi, dei bonus che portano a una riduzione del dovuto ma che non portano rimborsi nei conti correnti di chi li richiede, come per esempio succede con il bonus bici.

Questa tipologia di riduzione delle imposte porta comunque a una contribuzione minore e, quindi, a uno spostamento in avanti dell’età pensionabile di chi ne usufruisce o, nel caso di pensionati, a una riduzione nella cifra che viene effettivamente corrisposta.

I pensionati che volessero usufruire della riduzione del 50% dei contributi devono appartenere al previdenziale diretto o percepire una pensione di invalidità. Sono escluse invece le pensioni di reversibilità. La richiesta può coprire non solo i contributi futuri ma anche i contributi dei periodi precedenti.

Gli appartenenti al regime forfettario possono invece chiedere una riduzione del 35% dei contributi dovuti nel 2021. Per questa categoria, devono permanere durante tutto l’anno i requisiti necessari.

Leggi anche: Bonus cashback, come ottenere il 20% di rimborso 

Il bonus per i forfettari può essere facilmente richiesto dal proprio Cassetto Previdenziale. Nel caso sia stato già richiesto in passato non è necessario chiederlo di nuovo. Se, al contrario, si vuole smettere di usufruirne occorre inviare espressa dichiarazione di rinuncia.