Serie A, diritti tv: votazione a rischio, ipotesi rinvio

Diritti Tv, la Lega di Serie starebbe valutando di rinviare il voto per l’acquisto dei diritti relativi al prossimi triennio. 

Pixabay

A breve, la Lega di Serie A è chiamata a prendere una decisione molto importante che riguarda i diritti tv nel triennio 2021-2024. E per la prima volta, le piattaforme streaming diventano protagoniste di questa trattativa.

L’offerta più alta è infatti di Dazn, che ha messo sul banco circa 840 milioni di euro per poter trasmettere sette gare in esclusiva e altre tre in condivisione. Un’offerta importante, che oltretutto supera di quasi cento milioni quella avanzata da Sky. Il problema però, è che al momento un rinvio del voto su questa tema sembra abbastanza probabile. All’interno della Lega infatti, non si sarebbe ancora formata la maggioranza necessaria per ottenere i voti richiesti per l’assegnazione dei diritti tv. 

Leggi anche: WhatsApp: sulla truffa dei codici intervengono Polizia Postale e Codacons

Seria A, diritti tv: le perplessità del presidente del Benevento

Pixabay

Il tempo comunque non manca, in quanto le proposte avanzate dai possibili acquirenti scadranno alla data del 29 Maggio. Alla luce di alcuni inconvenienti degli ultimi anni, sono state avanzate anche delle perplessità sulla capacità di trasmettere in streaming senza disservizi.

Il Presidente del Benevento Vigorito ha ad esempio chiesto che vengano fornite le dovute garanzie sul fatto che le partite possa essere trasmesse impegnandosi al massimo per evitare qualunque tipo di interruzione. 

Leggi anche: Digi Mobil, l’operatore rinnova le offerte Gamma Combo e Gamma Illimitato

L’unica cosa certa è che l’avvento dello streaming nel mondo del calcio sembra ormai definitivo, e sono in molti a chiedersi se questo non riuscirà a portare ad avvicinarsi a questo sport un maggior numero di persone che ormai da anni avevano rinunciato a pagare una pay tv per guardare lo sport