Pensioni, in quali casi sono sospese immediatamente dall’Inps?

Ci sono dei casi in cui l’erogazione delle pensioni da parte dell’Inps è sospesa immediatamente.

In alcune circostanze l’Inps blocca subito l’erogazione delle pensioni. Ne sono un esempio i casi di espatrio e i percettori della pensione sociale o dell’assegno sociale.

L’assegno sociale Inps è stato istituito con la Legge n. 335/1995. Questo tipo di provvidenza ha sostituito la vecchia pensione sociale. Continuano a beneficiare di quest’ultima coloro che l’hanno ottenuta prima del 31 dicembre 1995.

Si tratta, quindi, di trattamenti molto simili tra loro che hanno come fine quello di sostenere economicamente persone anziane con redditi bassi o quasi nulli. L’assegno o pensione sociale, infatti, rientra nel novero di quelli che sono definiti trattamenti assistenziali.

Questo vuol dire che non occorrono dei requisiti contributivi o assicurativi per riceverlo. Le uniche credenziali sono l’evidente stato di bisogno socio-economico e un’età anagrafica di almeno 67 anni.

Quanti percepiscono l’assegno sociale, non devono avere necessariamente un reddito pari a zero per ottenere il beneficio. Un altro requisito per l’accesso lo ha sancito l’art. 20, comma 10, della Legge n. 133/2008. Per ricevere l’assegno sociale, il richiedente deve dimostrare di aver soggiornato stabilmente in Italia per almeno un decennio.

Leggi anche: L’Inps lancia l’allarme: “Buco da 16 miliardi, le pensioni sono a rischio”

Inps, in quali casi sospende subito le pensioni

Pensioni Inps
Pixabay

Proprio in riferimento a quest’ultimo requisito, l’Inps sospende immediatamente l’erogazione dell’assegno o pensione sociale se il beneficiario ha soggiornato all’estero per un periodo superiore a 30 giorni.

Leggi anche: Riforma pensioni, ipotesi taglio degli assegni seguendo il modello spagnolo

Dal momento che l’assegno o la pensione sociale sono trattamenti di tipo assistenziale, la loro corresponsione decade se il beneficiario non ha dimora fissa nel territorio nazionale. In questi casi la sospensione dura per tutto il periodo della permanenza fuori dal territorio nazionale.

Inoltre, se dovesse decorrere un anno dalla sospensione, il diritto all’assegno sociale subisce una revoca istantanea.