Scadrà il 28 febbraio il bonus cultura da 500 euro destinato ai ragazzi divenuti maggiorenni nel 2019. Il buono è da spendere per cinema, libri, teatri o dvd.

I ragazzi nati nel 2001 hanno ancora un mese per poter usufruire del bonus cultura da 500 euro. Con questa somma potranno acquistare libri, dvd e biglietti d’ingresso per cinema e teatri.

Per i ragazzi che hanno raggiunto la maggiore età nel 2020, il buono scenderà a 300 euro. Restano invariate le modalità di spesa e di richiesta.

Leggi anche: Assegno sociale Inps: come aumentarlo di 300 euro al mese

Bonus Cultura, tutto febbraio per usufruire dei 500 euro

Bonus cultura
Pixabay

I ragazzi nati nel 2001 e che hanno compiuto 18 anni nel 2019 hanno solo febbraio per finire di spendere il soldi del buono destinato a sostenere le spese culturali dei giovani. Quanti non hanno ancora terminato i 500 euro, dovranno riflettere in questi giorni sulle attività in cui investirli.

Il bonus è stato introdotto dal governo Renzi e mantenuto dagli esecutivi successivi di Gentiloni e Conte. Per i ragazzi nati nel 2002 il bonus sarà solo di 300 euro.

Leggi anche: Bonus Tv, acquistati già 300 mila dispositivi: come richiederlo

Bonus di 300 euro per i ragazzi diventati maggiorenni nel 2020

Questo bonus sarà destinato ai ragazzi che compiranno 18 anni nel corso del 2021. Tale iniziativa, riconfermata anche quest’anno, cerca di aiutare i giovani e le loro famiglie in un periodo economico caratterizzato da una forte instabilità.

Con i soldi messi a disposizione i ragazzi potranno acquistare libri e partecipare a concerti, spettacoli teatrali, attività culturali e a molte altre iniziative aderenti.

Il bonus cultura è un’iniziativa nata con l’intento di promuovere la cultura tra le giovani generazioni, attraverso un voucher digitale del valore di 300 euro. Per poterlo utilizzare sarà necessario scaricare l’applicazione 18app che consente di gestire il bonus, generando i buoni per l’acquisto di beni e servizi presso le realtà aderenti.

Continua a leggere: Bonus 300 euro per alcune famiglie: come funziona