Il bonus mobili è stato prorogato con la Legge di Bilancio 2021 e il suo tetto di spesa è stato aumentato fino a 16 mila euro. Ma le perplessità su come richiederlo e su quali interventi copra sono ancora molte.

La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato il bonus mobili e ne ha aumentato il tetto fino a 16 mila euro. Sono sempre di più, però, i cittadini che si pongono domande relative alle tipologie di interventi che si possano sostenere e alle modalità per trasmettere la domanda.

Molti, ad esempio, si sono chiesti se è possibile cambiare la cucina e ottenere il bonus solo sostituendo il tubo del gas. Di seguito tutti ii dettagli.

Leggi anche: Bonus Mobili, nuova guida fiscale dell’Agenzia delle Entrate

Bonus mobili, le tipologie di interventi che si possono sostenere

Bonus mobili 2021
Pixabay

Quello di cui si sta parlando è un bonus che finanzia l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per una spesa massima di 16 mila euro, ricevendo una detrazione fiscale del 50%. Il provvedimento, a differenza di molte altre agevolazioni, come l’Ecobonus o il Sisma bonus, non consente lo sconto in fattura o la cessione del credito a terzi.

Per quanto concerne il quesito in esame, la sostituzione di un tubo del gas mal funzionante o la sostituzione di un rilevatore di fughe di gas per la cucina, possono essere assimilati a un intervento di manutenzione straordinaria. Non tutti questi interventi, però, anche se considerati permettono di usufruire del bonus.

Leggi anche: Bonus Mobili, approvata la proroga per detrazione Irpef

Gli interventi di manutenzione straordinaria possono beneficiare della detrazione del 50%, dal momento che sono lavori per la messa in sicurezza e prevenzione di infortuni domestici. L’Agenzia delle Entrate, però, spiega che un intervento come quello al tubo del gas condiziona la possibilità di beneficiare del bonus mobili.

Tale provvedimento, infatti, è strettamente correlato al bonus ristrutturazione e secondo l’Agenzia la situazione in esame è sostenibile solo a livello teorico. A livello pratico e documentale, infatti, è molto difficile da dimostrare per eventuali futuri controlli.

In conclusione, sottolinea che il bonus non può essere richiesto per i piccoli lavori di edilizia.