L’Inps rende noto che gli studenti iscritti a università, conservatorio, accademia di belle arti e corsi post-laurea potranno usufruire del Bonus universitari.

Tra i vari incentivi finanziati dal governo c’è anche il bonus universitari. L’Inps ha reso nota, con una circolare, la possibilità per gli studenti universitari di presentare una domanda per ottenere un contributo economico con il quale finanziare il loro percorso di studi.

Contrariamente a quanto disposto per le borse di studio garantite dalle aziende regionali per il diritto alla studio, il bonus universitari potrà essere richiesto a prescindere dal reddito familiare.

Leggi anche: Inps studenti: come ottenere bonus fino a 2.000€

Bonus Universitari, a quanto ammonta e come presentare la domanda

Bonus universitari
Pixabay

Il bonus può arrivare ad avere un valore di 2 mila euro, che l’Inps verserà a favore degli studenti iscritti presso una qualunque università italiana o conservatori, istituti musicali e Accademie di Belle Arti.

Potranno beneficiarne anche gli studenti iscritti ai corsi post-laurea. In questo caso il valore del bonus sarà massimo di 1.000 euro.

La graduatoria per l’assegnazione del bonus da parte dell’Istituto di previdenza sociale si baserà principalmente su due fattori. Da una parte quello economico e dall’altra quello di profitto.

Quanti presenteranno la domanda, infatti, si vedranno assegnare un punteggio che sarà il risultato della somma del coefficiente economico familiare e della media ponderata dei voti.

In particolare, il coefficiente economico sarà assegnato come di seguito:

  • Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee) inferiore a 8 mila euro, 14 punti;
  • Isee da 8.000,01 a 16 mila euro: 11 punti;
  • Isee da 16.000,01 a 24 mila euro: 9 punti;
  • Indicatore della Situazione Economica Equivalente da 24.000,01 a 32 mila euro: 6 punti;
  • Isee da 32.000,01 a 40 mila euro: 4 punti;
  • Isee superiore 40 mila euro: 2 punti.

Leggi anche: Assegno Inps da 4 mila euro per studenti, chi ne ha diritto

Al punteggio dell’Isee – quest’ultimo potrà essere richiesto anche online sul sito dell’Inps – andrà poi sommato il valore della media ponderata ottenuta nel corso dell’anno accademico 2018/2019. Il valore risultante consentirà di stabilire la propria posizione in graduatoria.