Bonus spesa ai propri dipendenti: splendida iniziativa di una nota società italiana per premiare i lavoratori in virtù dei nuovi numeri record. 

Bonus spesa per tutti i dipendenti: succede alla Life Learning, una delle più grandi imprese di edu-tech d’Italia. Questa, in virtù dei numeri da record e l’impegno profuso in un anno particolarmente complicato, ha deciso di premiare così i propri lavoratori. Ovvero con un incentivo spesa da 250 euro al mese, ottenuto grazie all’accordo con i grandi marchi della distribuzione.

Bonus spesa: splendida iniziativa di Life Learning 

Fattura elettronica
Pixabay

In confronto al 2019, del resto, l’impresa nata nel 2014, è ha registrato un clamoroso +127% di fatturato. Dato che corrisponde anche all’impennata di un +200% di nuovi utenti iscritti per un totale di quasi 50 mila totali. Così la dirigenza ha deciso di corrispondere un premio non indifferente per i 50 dipendenti a proprio carico. Una spesa da 12.500 euro mensili, per un totale annuo di 150 mila euro. Nulla o quasi in confronto a quanto incassato grazie all’incredibile ascesa sul mercato dell’apprendimento on line.

Leggi anche: Bonus Mobili, nuova guida fiscale dell’Agenzia delle Entrate

E non è l’unica novità per i fortunati che militano tra i corridoi della Life Learning: “Oltre al bonus spesa abbiamo attivato anche un servizio di business coaching e supporto psicologico per i nostri dipendenti. Un modo per aiutare il più possibile tutti i nostri lavoratori affinché siano raggiunti i propri obiettivi professionali”, ha riferito il CEO e fondatore Rodrigo Di Lauro.

Leggi anche: Inps studenti: come ottenere bonus fino a 2.000€

Tipi di servizi in realtà non nuovi alla realtà tecnologica: “Investiamo spesso nel benessere del personale aziendale, ma quest’anno a causa della pandemia non è stato possibile offrire viaggi. Ed è così che è nata l’idea di un bonus spesa”. Ma l’interesse – spiega Di Lauro – non è soli indirizzato al marchi aziendale: “Offriamo anche una serie di misure volte a supportare in privato i dipendenti come il bonus asilo e il welfare sanitario. Una politica difficilmente riscontrabile in altri contesti simili al nostro”.