L’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) è una prestazione economica versata direttamente dall’Inps in favore delle famiglie di lavoratori e dei pensionati. Di seguito tutte le informazioni.

L’Assegno Nucleo Familiare è corrisposto direttamente dall’Inps. Per poterne beneficiare, però, è necessario rientrare nella tipologia di nucleo familiare richiesto sia per componenti familiari sia per reddito.

Per quanto concerne i redditi sono considerati soltanto quelli assoggettabili all’Irpef, agli oneri deducibili, al lordo della detrazione d’imposta e delle ritenute erariabili. Ai fini del conteggio sono da prendere in esame i redditi dell’anno solare precedente a quello della richiesta. Possono accedervi anche le coppie in caso di convivenza di fatto nel caso in cui abbiano stipulato un contratto.

Leggi anche: Assegno Unico Universale Inps, in primavera i primi decreti attuativi

Assegno Nucleo Familiare, quando è possibile presentare la domanda con figli maggiorenni

Assegno Nucleo Familiare
Pixabay

I requisiti per avere diritto all’Assegno per il Nucleo Familiare cambiano a seconda del numero dei componenti, del reddito e della composizione del nucleo familiare.

Affinché una famiglia con figli, o equiparati, maggiorenni ottenga l’Assegno Nucleo Familiare – come si legge sul sito Inps – è necessario che: “indipendentemente dall’età e a patto che non siano coniugati, risultino con inabilità assoluta e permanente a proficuo lavoro.”

Inoltre, è possibile farne richiesta anche se il figlio maggiorenne è studente e fa parte di un nucleo famigliare numeroso, con la presenza di almeno 4 figli sotto i 26 anni. Si può richiedere l’Assegno per il Nucleo Familiare al compimento dei 21 anni.

Leggi anche: Assegno Inps da 1.180 euro: ecco chi può ottenerlo

L’ANF è previsto anche in caso di presenza di altri membri della famiglia. Si può presentare la domanda, infatti, per fratelli e sorelle se minorenni o inabili e orfani di genitori e non sposati.

La richiesta può essere presentata anche per i nipoti in linea diretta e minorenni che vivono a carico dei nonni. Nel caso in cui siano maggiorenni non possono essere equiparati ai figli e quindi, se studenti o maggiorenni inabili a qualsiasi lavoro proficuo, non spetta l’assegno.