Truffa consumatori: nuovo allarme in Italia. Sta circolando da giorni un messaggio ingannevole lasciato sui parabrezza di tante auto. Se lo trovate, fate massima attenzione. 

“Compro auto usate”. E’ questo il messaggio che da qualche giorno sta comparendo sui parabrezza di tantissime auto parcheggiate a Celle Ligure. Un invito apparentemente banale e interessante, dietro il quale tuttavia potrebbe nascondersi una maxi truffa.

Anche perché a lanciare l’allarme è direttamente l’Associazione Consumatori, la quale è ormai esperta su certi tipi di operazioni e da tempo consiglia di stare attenti a certe modalità. Dunque massima attenzione: potrebbe trattarsi di un’organizzazione di truffatori pronti a fregare lo sfortunato di turno.

Truffa consumatori: nuovo allarme in Italia 

Bollo auto
Pixabay

Del resto ci sono sono molteplici precedenti simili. Spesso si tratta di gruppi che mettono fretta al venditore, così da compiere l’illecito per poi sparire. In particolare è capitato spesso che al termine delle negoziazioni non avvenisse il passaggio di proprietà come è d’abitudine fare, il che significa che la vettura continua a essere intestata al precedente proprietario chiamato a rispondere in caso di multe e incidenti.

Leggi anche: Whatsapp, il tuo account sta per scadere: come funziona la nuova truffa

Allerta inoltre anche sulle modalità di pagamento: spesso – evidenzia sempre l’associazione – queste avvengono con pagamenti in banconote di cui tante spesso si rivelano false. Insomma, il danno oltre la beffa. E il problema è che spesso queste vetture finiscono anche all’estero, tipo nei Paesi dell’Est Europa o addirittura in Africa, dove i controlli scarseggiano e dove l’ex proprietario rischia di diventare sempre più parte lesa.

Leggi anche: Truffa Inps, cassa integrazione falsa: azienda italiana rischia grosso 

Ecco perché sia l’associazione che le forze dell’ordine invitano a diffidare da certi messaggi. C’è anche un piccolo segno riconoscitivo per tali iniziative: queste, infatti, spesso presentano appena un numero di cellulare ma mai il nome di un’azienda e la partita iva di riferimento. Se notate dunque un messaggio simile, diffidate.