Truffa Inps, cassa integrazione falsa: azienda italiana rischia grosso 

Truffa Inps: caso clamoroso in Italia. Un’azienda italiana richiede la cassa integrazione ma i dipendenti lavorano comunque. Ora la società rischia grosso. 

Truffa aggravata all’Inps: è con questa accusa che tre persone sono state denunciate dalla Guardia di Finanza di Ferrara. Al centro della vicenda c’è soprattutto il titolare di un’azienda ferrarese, il quali ha ben pensato di richiedere la cassa integrazione all’istituto di previdenza sociale ma facendo comunque lavorare due degli otto dipendenti in quel momento fermi per normativa.

Truffa Inps: cassa integrazione ma i dipendenti lavorano comunque 

Agenzia delle Entrate Cie
Foto Pixabay

I fatti risalgono al periodo del lockdown nazionale, dunque lo scorso marzo, quando l’impresa ha richiesto 3.630 ore di cassa integrazione per otto dipendenti tra orario ridotto per una parte e sospensione dell’attività dell’altra. Tuttavia, secondo quanto emerso dalle indagini, due dipendenti per i quali era stato chiesto lo stop hanno comunque continuato a lavorare in accordo con l’azienda.

Leggi anche: Whatsapp, il tuo account sta per scadere: come funziona la nuova truffa

Così sia loro che il titolare sono stati appunto tutti denunciati alla Procura di Ferrara. Oltre a restituire quanto presto dalle casse statali, i tre ora rischiano fino a sette anni di reclusione in caso di condanna. Ma i provvedimenti, ovviamente, sono andati anche a carico dell’intera azienda per la quale è stata revocata immediatamente l’istanza per la cassa integrazione. Anche lì dove è stata regolarmente rispettata. E in più questa dovrà versare anche 30.500€, ovvero il totale delle somme percepite illecitamente.

Leggi anche: Naspi, prevista terza proroga con il Decreto Ristori 5

Il blitz delle forze dell’ordine rientra in un’ondata di controlli inevitabili da parte delle istituzioni nel pieno della pandemia. Considerando infatti il forte aumento di contributi pubblici elargiti a singoli lavoratori e imprese attraverso i vari decreti emessi, si è provveduto e si sta provvedendo a un attento controllo affinché non si registrino mosse sospette da parte di qualche ‘furbetto’.