Il ministro Vincenzo Spadafora annuncia dalla sua pagina Facebook nuovi contributi a fondo perduto e la proroga del bonus collaboratori sportivi fino al 5 marzo 2021.

Dalla sua pagina Facebook il ministro Vincenzo Spadafora ha annunciato: “Ho piena consapevolezza che migliaia di imprese sportive sono in gravissima difficoltà e rischiano di chiudere per sempre: inserirò il bonus per i collaboratori sportivi fino al 5 marzo, un nuovo fondo perduto con maggiori risorse per ASD e SSD, il fondo per le partite Iva e altre misure di supporto economico”.

La riflessione del ministro dello Sport e delle Politiche Giovanili inizia con una sintesi della situazione italiana: “Da domenica la maggior parte delle regioni italiane torna in zona rossa o arancione. Il che vuol dire che la stragrande maggioranza delle attività di ogni genere saranno sospese. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, è stato molto chiaro: il rischio per l’Italia nelle prossime settimane è altissimo e dobbiamo scongiurare un nuovo lockdown nazionale”.

Leggi anche: Bonus Collaboratori Sportivi, stop all’erogazione automatica: l’annuncio

Bonus Collaboratori Sportivi, sostegni per una delle categorie più colpite dall’emergenza sanitaria

Bonus collaboratori sportivi
Pixabay

Spadafora chiarisce: “Ieri abbiamo discusso a lungo in Consiglio dei Ministri e insieme al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e a tutti i colleghi abbiamo deciso che fossero inevitabili ulteriori misure restrittive in tutti i settori fino al 5 marzo. Per questo si è decisa una nuova tranche di sostegni economici. Nel decreto che approveremo la prossima settimana inserirò il bonus per i collaboratori sportivi fino al 5 marzo, un nuovo fondo perduto con maggiori risorse per ASD e SSD, il fondo per le partite Iva e altre misure di sostegno”.

Leggi anche: Bonus Collaboratori Sportivi, chiarimenti su ritardi nei pagamenti

“Ho piena consapevolezza che migliaia di imprese sportive sono in gravissima difficoltà e rischiano di chiudere per sempre. Condivido quotidianamente il dramma di ogni persona colpita dalle nostre misure, dei proprietari delle strutture sportive in ginocchio, dei presidenti delle associazioni e delle società sportive, dei lavoratori sportivi, dei tanti appassionati e soprattutto dei giovani ai quali stiamo sottraendo un pezzo della loro vita sociale e della cura del benessere psico-fisico”.