Bonus animali, importanti novità per questo nuovo 2021. Aumenta, infatti, il nuovo tetto massimo del sussidio. Ecco quanto prevede l’intervento. 

Si registrano importanti novità per il bonus animali in questo nuovo 2021. La Legge di Bilancio, infatti, ha aumentato il tetto massimo del sussidio, portandolo dai 500 euro precedenti alla nuova cifra di 550. Un piccolo ma significativo passo avanti, dunque, per quanto riguarda i nostri amici a quattro zampe e le frequenti visite veterinarie a cui devono sottoporsi. Si tratta inoltre di un altro rilancio ancora dopo il passaggio nella precedente manovra dai 387,34 euro ai 500 poi rimodificati.

Bonus animali: le novità del 2021 

Bonus animali
Foto Pixabay

L’intervento – lo ricordiamo – permette una detrazione per le spese mediche sostenute dagli animali fino a un rimborso Irpef del 19% nella dichiarazioni dei redditi. La detrazione scatta in particolare da quando si va oltre una cifra di 128,11 euro purché la spesa sia stata pagata con una modalità tracciabile, dunque attraverso una qualsiasi carta o con versamento bancario o postale.

Leggi anche: Bonus Inps da 1.000€: scadenza e procedura per il riesame 

La novità, annunciata dall’Agenzia delle Entrate col testo del 16 ottobre del 2020, tuttavia non si applica l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici e per le detrazioni per prestazioni sanitarie rese da strutture pubblica o private accreditate con il SSN. Seppur dettata nel 2020 conclusosi da un po’, questa si applica per la prima volta nella dichiarazione dei redditi del 2021.

Leggi anche: Assegni familiari: sarà addio dal prossimo 1 luglio 2021

Ecco quanto poi specifica la nota dell’ente a proposito dell’obbligo di tracciabilità citato: “Il medesimo articolo, al comma 680, precisa che la disposizione di cui al comma precedente non si applica alle detrazioni spettanti in relazione alle spese sostenute per l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici, nonché alle detrazioni per prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale”.