Bonus Baby Sitter, l’Inps ha comunicato di aver prorogato i termini per l’inserimento del Bonus all’interno del libretto di famiglia. 

La scadenza riguardante l’inserimento del Bonus Baby Sitter nel Libretto di Famiglia è stata prorogata fino al 28 febbraio 2021 per allinearsi alle tempistiche stabilite dal Decreto Ristori Bis per le zone rosse. A darne comunicazione è stata una circolare Inps pubblicata il 13 Gennaio 2021.

Tutti coloro dunque che hanno aderito alla misura nel periodo compreso tra il 5 Marzo e il 31 Agosto 2020 sono tenuti a inserire le prestazione che rientrano nel bonus nel Libretto di Famiglia entro il 28 febbraio 2021. Nella comunicazione diramata dall’Istituto, si legge inoltre che “al fine di garantire il rispetto della tempistica sopra indicata, le Strutture territoriali avranno cura di definire le lavorazioni delle istanze residue per le quali è in via di completamento l’istruttoria entro e non oltre il 12 febbraio 2021, fermo restando che il genitore beneficiario dovrà inserire le prestazioni occasionali nel Libretto Famiglia entro e non oltre la suddetta data del 28 febbraio 2021”. 

Leggi anche: Bonus Baby Sitter, nuova comunicazione da parte dell’Inps

Bonus Baby Sitter, presentare domanda e requisiti

Pixabay

La domanda per accedere al Bonus Baby Sitter può essere presentata direttamente all’Inps. Nel momento in cui si ottiene il via libera da parte dell’Istituto, il beneficiario è tenuto a compiere un passaggio fondamentale ai fini dell’erogazione della prestazione.

Deve infatti richiedere un Libretto di Famiglia laddove non ne fosse ancora provvisto entro il termine massimo di quindici giorni da quando la domanda è stata accolta.

Leggi anche: Bonus baby sitter da 1.000 euro: chi può richiederlo

I genitori beneficiari, per rientrare tra gli aventi diritto di questo provvedimento, devono necessariamente risultare regolarmente iscritti alla Gestione Separata dell’istituto di Previdenza Sociale o, in alternativa, a una gestione separata AGO. Non devono però risultare iscritti a nessuna forma di previdenza obbligatoria e non devono svolgere un lavoro in smart working.