L’Inps rende noti i nuovi tassi del primo trimestre 2021 applicati alla cessione del quinto sulle pensioni. L’ente previdenziale ha comunicato gli importi secondo le disposizioni contenute nel Decreto del MEF.

L’Inps ha reso noti i nuovi tassi applicati nel primo trimestre 2021 sulla cessione del quinto sulle pensioni. Nel messaggio n. 29 del 5 gennaio 2021, l’ente previdenziale ha comunicato i tassi applicati e gli importi aggiornati, secondo quanto disposto nel Decreto del MEF n. 96515 del 24 dicembre 2020.

Leggi anche: Bonus Inps 1.000 euro, con la crisi di Governo in arrivo brutte notizie

Inps, tassi applicati nel primo trimestre del 2021 alla cessione del quinto sulle pensioni

Inps pensioni
Pixabay

I tassi applicati alla cessione del quinto sulle pensioni nel primo trimestre del 2021 – dal 1° gennaio al 31 marzo 2021 – sono così ripartiti:

  • fino a un valore di 15mila euro, i tassi medi sono 11,14 e i tassi di usura 17,9250;
  • oltre i 15mila euro, i tassi medi sono 7,69 e i tassi di usura 7,69.

Invece, i tassi TAEG che saranno applicati sulla cessione del quinto nel primo trimestre 2021, cambiano a seconda dell’età, come di seguito:

  • fino a 59 anni, per un prestito fino a 15mila euro il tasso è dell’8,32. Oltre i 15mila euro del 6,53;
  • da 60 a 64 anni, per un prestito fino a 15mila euro il tasso è del 9,12. Oltre i 15mila euro del 7,33;
  • da 65 a 69 anni, per un prestito fino a 15mila euro il tasso è del 9,92. Oltre i 15mila euro del 8,13;
  • da 70 a 74 anni, per un prestito fino a 15mila euro il tasso è del 10,62. Oltre i 15mila euro del 8,83;
  • da 75 a 79 anni, per un prestito fino a 15mila euro il tasso è dell’11,42. Oltre i 15mila euro del 9,63.

Leggi anche: Contributi Inps, nuova proroga Covid sui versamenti

Possono essere cedute tutte le pensioni eccetto le prestazioni di invalidità civile, l’assegno sociale, gli assegni per l’assistenza di pensionati inabili, gli assegni familiari e gli assegni di sostegno al reddito.

La rata di rimborso è trattenuta ogni mese dalla busta paga o direttamente dall’Inps. Quest’ultimo provvede a versare la quota all’Istituto finanziatore.