Molti consumatori hanno segnalato di non essere riusciti a raggiungere le 10 transazioni previste dal bonus Cashback.  Alcune operazioni, infatti, non sono state registrate dall’app di Stato.

Negli ultimi giorni, gli iscritti al bonus Cashback hanno potuto verificare sull’app IO l’importo del rimborso dovuto per il mese di dicembre. Molti consumatori, però, hanno segnalato di non essere riusciti a raggiungere le 10 transazioni previste dal momento che alcune di queste operazione non sono state registrate dall’App.

Il Centro Tutela Consumatori Utenti (CRTCU) spiega che la causa del problema risiede nella tipologia di circuiti su cui sono gestiti i pagamenti. In arrivo il modulo di reclamo.

Leggi anche: Bonus cashback, Google Pay e Apple Pay: quando saranno attivi

Bonus Cashback, perché alcune transazioni non sono registrate dall’app?

Bonus cashback
Pixabay

Il Centro Tutela Consumatori Utenti ha chiarito che la causa del problema risiede nei diversi circuiti sui quali sono gestiti i pagamenti.

“Se hai più simboli sulla tua carta di credito (PagoBancomat, Maestro, ecc…), in linea di principio puoi sempre decidere quale usare. Ma, nella pratica, spesso non viene richiesto un consenso esplicito, quindi la maggior parte dei pagamenti “contactless” vengono elaborati tramite la rete Maestro, ha spiegato.

“Gli sviluppatori dell’app – continua il Centro Tutela Consumatori Utenti – hanno comunicato che ci sarebbe stato un aggiornamento a gennaio in grado di eliminare del tutto il problema. Ma, secondo quanto dichiarato da PagoPA, anche tutti i pagamenti in cui la carta è stata inserita nel dispositivo POS con relativo PIN sono stati sicuramente riconosciuti”.

Leggi anche: Bonus Cashback, Adiconsum spiega come ottenere i rimborsi

Gunde Bauhofer, direttrice del Centro Tutela Consumatori Utenti ha rilasciato una dichiarazione.

“A differenza dei pagamenti in contanti, i pagamenti con la carta, e in particolare i pagamenti contactless, non vengono sempre percepiti come spese. Il meccanismo inconscio che detrae 20 euro ed aggiunge al loro posto alimenti in dispensa rischia di non scattare, e così spenderemmo denaro inconsciamente, rischiando di perdere di vista i nostri conti”.