Bonus Inps
Foto Pixabay

Decreto Ristori 5, ecco tutte le novità per quanto riguarda il nuovo intervento economico del Governo in soccorso ai cittadini. Bonus e sgravi fiscali: le novità. 

Anno nuovo, decreto nuovo. Purtroppo funziona così in tempi di Covid-19. Pertanto, parallelamente al nuovo Dpcm che indicherà tutte le direttive per quest’avvio di 2021, è atteso un nuovo intervento relativo alle misure di sostegno che saranno elargite ai tanti italiani ancora fortemente condizionati. Si tratta del Decreto Ristori 5, il quale mirerà soprattutto alle casse integrazioni, ai bonus da distribuire tra partite iva e non solo e le varie scadenze fiscali che saranno ancora rinviate.

Leggi anche: Canone Rai, le categorie esentate dal pagamento della tassa

Decreto Ristori 5, le novità per il 2021 

Foto Pixabay

Ci sarà così un nuovo budget stanziato da circa 25-30 miliardi di euro, ma con una possibile novità come rivela La Repubblica: non più solo maxi cifre a fondo perduto, ma anche aiuti attraverso nuove strategie. Potrebbe essere inoltre allargato anche il range di richiedenti che potrebbero ottenere il bonus, come professionisti “ordinisti” quali avvocati, architetti e non solo. L’aiuto, inoltre, sarebbe generalizzato a prescindere dalla zona in cui si risiede. Per quanto riguarda autonomi e partite Iva, si riotterrebbe un sussidio di 1.000 euro nel caso in cui ci sia stato un netto e dimostrabile calo del fatturato dell’almeno 30% rispetto all’anno precedente.

Leggi anche: Bonus mobili: la Legge di Bilancio regala un extrabudget 

Nunzia Catalfo, attraverso il proprio profilo twitter, si è pronunciata così sulla manovra: “Con il nuovo DecretoRistori rifinanzieremo la Cig e metteremo in campo ulteriori misure per aiutare lavoratori e imprese a superare l’emergenza. Al contempo, siamo impegnati nella stesura di un Recovery Plan all’altezza delle sfide che ci attendono”. Nel frattempo attenzione anche a marzo quando scadrà il blocco dei licenziamenti prolungato ormai da mesi dal Governo centrale. “Se non diamo una mano alle persone che si ritroveranno senza lavoro permettendo di trovarne un altro o di ottenere ammortizzatori sociali, rischiamo una crisi sociale gravissima”, ha riferito il vicesegretario del Pd Andrea Orlando.