Il bonus di 800 euro per i collaboratori sportivi è stato confermato anche per il mese di gennaio. Lo ha reso noto il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora.

Palestre, piscine e impianti sportivi in genere rientrano tra le categorie maggiormente lese dalla crisi causata dall’emergenza Coronavirus. Malgrado continuino ad essere colpite dalle restrizioni, il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora ha confermato che il bonus 800 euro per i collaboratori sportivi sarà erogato anche nel mese di gennaio.

Attraverso i suoi canali social, il ministro ha dichiarato: “stiamo lavorando da settimane tutti i giorni con il CTS – Comitato Tecnico Scientifico – in modo proficuo per la riapertura, che sarà graduale a seconda dei colori delle regioni e, mi auguro, di avere l’ok per poter ripartire entro fine mese“.

Leggi anche: Bonus Collaboratori Sportivi, stop all’erogazione automatica: l’annuncio

Cos’è il bonus 800 euro per collaboratori sportivi

Bonus 800 euro collaboratori sportivi
Pixabay

Il bonus è un’indennità da 800 euro, una tantum, versato a favore dei lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Comitato Italiano Paralimpico, il Coni, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni e dal Cip, le federazioni sportive nazionali, le associazioni e società sportive dilettantistiche.

Oltre al bonus di 800 euro i collaboratori sportivi potranno beneficiare del rinvio di pagamenti e scadenze e del credito d’imposta.

Leggi anche: Bonus Collaboratori Sportivi, chiarimenti su ritardi nei pagamenti

Queste le parole del ministro Spadafora: “Il bonus gennaio per i collaboratori sportivi ovviamente ci sarà; lo abbiamo garantito sempre a centinaia di migliaia di persone sin dall’inizio della pandemia. Il Consiglio dei Ministri dovrà approvare quanto prima un nuovo decreto per tutti i ristori. Per il mondo dello Sport non ci sarà solo il bonus ai collaboratori ma anche altro, come per esempio il credito d’imposta ed il rinvio di scadenze e pagamenti“.