Il Bonus Pubblicità consiste in un credito d’imposta pari al 50% della spesa dell’investimento fatto su periodici e giornali quotidiani anche online.

Questo bonus, introdotto dal D.L. 50/2017, all’art.57-bis, prevede un credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari fatti da lavoratori autonomi, enti non commerciali e imprese.

Per il 2018 era stato riconosciuto un credito d’imposta del 75% sulla stampa quotidiana e periodica e sulle emettenti televisive e radiofoniche.

Si può accedere a questo credito soltanto se gli investimenti supereranno dell’1% quelli dell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione.

In seguito, con il D.L. 59/2019 si dispose il venir meno dell’applicazione di due diverse aliquote in base al soggetto investitore.

Anche il decreto Cura Italia e il D.L. Rilancio hanno apportato alcune modifiche al bonus pubblicità.

Leggi anche: Bonus Pubblicità, come presentare la domanda: novità per il 2020

Bonus pubblicità, le modifiche apportate nel 2021

Bonus pubblicità
Pixabay

Nel 2020, il decreto Cura Italia stabiliva un importo del credito d’imposta pari al 30% del valore totale degli investimenti effettuati e non solo degli investimenti incrementali.

Poi il decreto Rilancio, il D.L. 34/2020, riprendendo l’intervento del Cura Italia, ha previsto che il credito d’imposta fosse destinato, agli stessi soggetti e alle medesime condizioni, nella misura del 50% del valore degli investimenti effettuati sui periodici e giornali quotidiani anche online.

Leggi anche: Bonus Pubblicità 2020: il Governo in soccorso degli editori, come funziona

Per il 2021 dal suddetto bonus sono esclusi, però, tutti gli investimenti fatti sulle emittenti radiofoniche e televisive locali, sia analogiche sia digitali.

Bonus rubinetti, previste detrazioni fino a 5 mila euro

Si potranno sostituire vecchie tazze del wc, soffioni della doccia e rubinetti con sistemi innovativi per evitare gli sprechi. Sono queste le principali spese che si sosterranno con il bonus idrico.

Per usufruirne è necessario presentare la propria domanda entro e non oltre il 31 dicembre 2021. Una misura che permetterà agli italiani di risparmiare in bolletta e di alleviare l’impatto dei cittadini su una risorsa preziosa come l’acqua.

Continua a leggere: Bonus rubinetti, detrazioni fino a 5 mila euro: le critiche