superbonus
Foto Pixabay

Superbonus 110%: si registrano importantissime novità per questo nuovo 2021. Ora, per esempio, rientrano nell’intervento anche ascensori e montascale. Ecco quanto previsto direttamente dalla Legge di Bilancio. 

Anche ascensori e montascale rientrano nel superbonus 110%: ecco una delle varie novità introdotte dalla Legge di Bilancio per questo nuovo 2021. Si ricorda che l’intervento prevede una detrazione fiscale totale, anche superiore al totale del costo investito, per tutti i prodotti che appartengono all’efficienza energetica, quindi come impianti impianti fotovoltaici o la ricarica dei veicoli elettrici nei vari edifici, e per gli interventi antisismici.

Superbonus 110%: tutte le novità per il 2021 

Pixabay

E tra questi, adesso, rientrano come detto anche gli strumenti necessari per la mobilità interna degli edifici e per i soggetti con gravi handicap che necessitano di un aiuto per spostarsi. Ma a richiedere l’incentivo non solo le persone con disabilità, piuttosto anche gli anziani con età superiore ai 65 anni come prevede l’intervento.

Guarda anche: Digitale terrestre bonus Tv: cosa cambia per il 2021

Così come di conseguenza anche la rimozione di barriere architettoniche, a favore di scale e montascale, rientra tra le novità del nuovo anno. Come specificato direttamente dall’Agenzia delle Entrate nella circolare numero 19 dell’8 luglio, quando si parla di eliminazione di barriere architettoniche si intende sia le opere presenti in zone comuni che quelle presenti nelle singole unità.

Leggi anche: Bonus mobili, aumentato il budget: come funziona 

Un aiuto non indifferente a favore dei cittadini, soprattutto considerando che lo stesso è valido da tempo anche per pavimentazione, infissi esterni e impianti elettrici tra le altre varie cose. La manovra, partita a luglio dell’anno ormai concluso, non solo durerà per l’intero 2021 ma andrà avanti fino al 30 giugno 2020 come annunciato di recente e fino al 31 dicembre 2022 per le case popolari lacp. Per aderirvi è necessario fare lavori di ristrutturazioni per almeno il 60% dell’intervento complessivo.