Digitale terrestre bonus tv: misura confermata anche per il 2021 con una novità importante. Ecco come funziona il provvedimento. 

Bonus Tv confermato anche per il 2021. Il provvedimento, approvato direttamente dalla Legge di Bilancio, prevede l’acquisto di un televisore o di un decoder DVB-T2 ed è finalizzato alla sostituzione dei vecchi dispositivi per la nuova ricezione in programma targata appunto DVBT-2/HEVC.

Digitale terrestre bonus Tv: tutte le indicazioni 

Pixabay

Da giugno del 2022, infatti, si passerà in via definitiva a questo tipo di trasmissione e molti, senza provvedimenti, resterebbero impossibilitati nel vedere la tv tra cui anche i canali gratuiti. Un po’ come accaduto col passaggio dai televisori analogici a digitali nel 2012. Così la storia, seppur per situazioni differenti, si ripete e per restare al passo bisognerà munirsi di nuove tv oppure rinforzare le attuali con un decoder aggiornato per le caratteristiche subentranti.

Guarda anche: Bonus mobili, aumentato il budget: come funziona 

La novità per questo anno, tuttavia, è che il budget fissato è stato aumentato così che molte più persone potrebbero aderire all’iniziativa. Per il resto però resta tutto invariato, sia per quanto riguarda la scontistica applicabile che le categorie aderenti. Potranno richiederlo infatti solo le famiglie con Isee non superiore ai 20.000 euro, e la cifra della scontistica resta pari a 50 euro.

Guarda anche: Bonus Collaboratori Sportivi, stop all’erogazione automatica: l’annuncio

Ovviamente, come è indicato anche nella stessa domanda di presentazione, un membro del nucleo familiare non potrà fare richiesta se vi è stato già un altro a farla. Il modulo è scaricabile attraverso il sito del Ministero dello sviluppo economico (mise.gov.it) nella sezione ‘menu’. Bisognerà poi affacciarsi nell’opzione ‘Radio e Tv’ per trovare le indicazioni governative con tanto di link cliccabile per accedere al modulo per fare la richiesta. Finora sono stati in tantissimi ad aderire: ovvero oltre 15 milioni di italiani, per un totale di più di 300 mila dispositivi acquistati anche attraverso il contributo statale.