Bonus Mobili
Foto Pixabay

Bonus mobili confermato anche per il 2021, con tanto di aumento del tetto massimo dell’importo anche se la detrazione resta invariata. Ecco come funziona. 

Tutto confermato per questo nuovo 2021: il bonus mobili non solo è rinnovato ma il tetto massimo dell’intervento è stato anche aumentato. La nuova manovra finanziaria approvata dal Governo ha infatti portato il budget dai precedenti 10.000 euro alla nuova somma di 16.000 euro, con la detrazione fiscale Irpef che resta tuttavia pari al 50% della spesa sostenuta.

Bonus mobili anche per il 2021

bonus elettrodomestici

Potrà richiedere questo bonus qualsiasi persona che acquisti mobili ed elettrodomestici dopo una ristrutturazione della propria casa. Questo non dovrà avvenire per forza attraverso il bonus ristrutturazione, ma un intervento edile presso l’abitazione è comunque un requisito fondamentale per accedere all’intervento statale.

Guarda anche: Bonus Collaboratori Sportivi, stop all’erogazione automatica: l’annuncio

C’è tuttavia una differenza sottile ma fondamentale tra appartamenti ed edifici. Il bonus vale per entrambi, ma per quanto riguarda gli appartamenti è valido solo per opere destinate al risanamento della struttura o alla ristrutturazione e ricostruzione di un immobile unicamente se è stato danneggiato da una calamità naturale a seguito di uno stato d’emergenza dichiarato dalla città o regione.

Nel caso degli edifici, invece, questo bonus è valido sia per il restauro del complesso con l’assicurazione di vendere o assegnare l’immobile non oltre i 18 mesi al termine dei lavori, sia per lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria destinato a parti comuni del condominio.

Guarda anche: Bonus Caregiver, che cos’è e come funziona

A quel punto, poi, si potrà usufruire del provvedimento attraverso scontrino o fattura che dimostrino gli acquisti, con la dichiarazione di ristrutturazione, presentando il titolo abitativo, con la dichiarazione all’Enea per quanto riguarda gli acquisti di elettrodomestici (i quali dovranno essere di classe energetica A+, eccetto per i forni per i quali è possibile usufruire anche di quella A) e la ricevuta del bonifico effettuato per poter godere della detrazione finale. Col bonus, oltre ai mobili più comuni, si potranno acquistare anche divani, poltrone, materassi, letti, sedie, tavoli, mensole, librerie, scrivanie e vari strumenti per l’illuminazione.