Pixabay

Il Bonus Caregiver è una misura varate dal governo per aiutare coloro che assistono persone affette da disabilità. Vediamo nel dettaglio come funziona. 

Il Bonus Caregiver è una misura introdotta dal governo nel decreto rilancio allo scopo di supportare economicamente coloro che si prendono cura di persona affette da disabilità.

Si tratta di un provvedimento che ha garantito all’avente diritto un importo di 600 euro, indipendentemente dal reddito dichiarato, inizialmente per i mesi di aprile e maggio. La misura è stato poi in seguito prorogata e dovrebbe essere attiva anche per il 2021.

Viene erogato in un’unica soluzione a un singolo componente del nucleo familiare a patti che questi conviva con la persona affetta da disabilità alla data del 23 Febbraio 2020. Si tratta inoltre di una prestazione che risulta cumulabile sia con il Reddito di Cittadinanza che con quello di emergenza. 

Leggi anche: Bonus imprese agricole, credito d’imposta del 40%: come funziona

Bonus Caregiver, anche per la madri single con figli disabili

Pixabay

Per quanto riguarda la definizione di Caregiver, nel testo contenuto nel decreto rilancio, questo viene definito come colui che che assiste e si prende cura “del coniuge, dell’altra parte dell’unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente, di un familiare o di un affine entro il secondo grado che, a causa di malattia, infermità o disabilità anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di sé, sia riconosciuto invalido in quanto bisognoso di assistenza globale e continua di lunga durata o sia titolare di assegno di accompagnamento”. 

Leggi anche: Bonus auto elettriche, incentivi fino al 40 per cento: come funziona

Nella nuova Legge di Bilancio è stato inoltre introdotto un’altra tipologia di assegno destinata alle mamme single con figli disabili oltre il 60 per cento. Questo bonus era contenuto in un emendamento presentato nella manovra e fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle.

E infatti, l’annuncio della sua approvazione è arrivato dalla senatrice pentastellata Simona Nocerino con un post pubblicato sul suo profilo Facebook.