Foto Pixabay

Bonus chef: il governo lancia una nuova misura per aiutare tutti i cuochi professionisti per il 2021. Ecco cos’è di preciso e come funziona.  

Bonus chef in arrivo in Italia: lo rivela IlSole24ore. Secondo quanto anticipa il quotidiano economico, la nuova Legge di Bilancio presenterà infatti anche un credito d’imposta per gli chef e per il settore della ristorazione particolarmente colpito dal Covid-19. Si tratterebbe di un vero e proprio bonus fiscale mirato ai cuochi professionisti per l’acquisto dell’adeguata strumentazione per operare.

Bonus chef: la novità per il 2021

Foto Pixabay

La misura, inoltre, vale anche per i corsi di aggiornamento professionali fondamentali per la categoria. Lo sconto dovrebbe essere pari al 40% delle spese sostenute dal 1 gennaio 2021 al 30 giugno 2021 per un tetto massimo di 6.000 euro a contribuente. Potranno usufruirne sia i cuochi dipendenti che i lavoratori autonomi con partita Iva. E sono inclusi anche coloro che non godono di codice Ateco. Così come la misura va indistintamente all’ambiente di lavoro a cui si appartiene, che sia un albergo, un ristorante o un qualsiasi altro contesto riconosciuto.

Leggi anche: Bonus elettrodomestici e mobili: confermata proroga e nuovo budget

Sarà possibile rientrare nel range acquistando tuttavia macchinarsi per la conservazione, lavorazione, cottura e trasformazione dei prodotti. Oppure potranno rientrare anche gli strumenti professionali più tipici per la cucina e la ristorazione. Il governa l’ha ritenuta una misura doverosa e necessaria da introdurre considerando un settore devastato dalle varie restrizioni subentrare da inizio emergenza ad oggi. Problematiche che, vaccini e distribuzione a parte, potrebbero perdurare ancora a lungo in quest’imminente 2021.

Guarda anche: Bonus Occhiali 2021, che cos’è e quali sono i requisiti

Così ne è nata l’idea di andare incontro a questa categoria di lavoratori e non vanno escluse ulteriori strumenti anche per altri soggetti anche non poco condizionati dai vari lockdown e Dpcm. Così dopo essere andati incontro agli imprenditori, ora è il turno dei lavoratori dipendenti o liberi professionisti. Ovviamente sarà impossibile compensare con cifre che corrispondono alle vere perdite subite, ma è comunque un modo per andare incontro alle parti lese.