Pixabay

Bonus Famiglia 2021, il governo, nella nuova Legge di Bilancio, ha deciso di confermare quasi tutte le misure di sostegno economico destinate alle famiglie. 

Nella nuova Legge di Bilancio, il governo ha deciso di confermare tutti i sostegni economici alle famiglie che erano stati varati nel corso di questo anni per aiutare la popolazione ad affrontare questo difficile momento storico.

La novità più importante riguarda sicuramente l’introduzione dell’assegno unico per i figli a carico che entrerà in vigore a partire dalla data del 1 Luglio 2020. Confermato anche il Bonus Asilo Nido, che consente alle famiglie che hanno un reddito Isee inferiore ai 25 mila euro, di poter accedere a contributo che può arrivare alla cifra di 3mila euro, per poter pagare la retta degli asili nidi. La cifra viene corrisposta dall’Inps.

Leggi anche: Bonus auto 2021: confermati incentivi fino a 10.000 euro

Bonus Famiglia 2021, confermate anche le detrazioni per figli disabili

Pixabay

Prorogato anche per il prossimo anno l’assegno di natalità, che consente, a partire dal settimo mese di gravidanza o dal momento in cui vengono approvate le pratiche di adozione, di poter accedere a un’indennità una tantum che va intesa come un premio alla nascita. 

Si tratta di un provvedimento che si pone come scopo quello di incentivare la natalità in una paese che ormai da anni sconta un declino demografico che alla lunga si ripercuoterà sulla nostra economia.

Confermate anche tutte le detrazioni destinate ai nuclei familiari con figli disabili. In questo caso, i contribuenti, hanno la possibilità di poter ottenere delle detrazioni che possono arrivare alla cifra di 1.550 euro per ogni figlio, anche se si tratta di una misura che verrà poi sostituita integralmente dall’assegno unico. 

Leggi anche: Bonus idrico, 1.000 euro per bagni e non solo: come funziona

Era invece inevitabile la conferma sul congedo di paternità, in quanto la sua approvazione era vincola a una direttiva europea. Vengono aumentati da sette a dieci, rispetto al 2020, i giorni di astensione lavorativa retribuiti.