Foto Pixabay

Bonus casa, ecco tutte le agevolazioni fiscali ed economiche previste per il 2021. Sono svariati gli interventi a favore dei cittadini che puntano a lavori edili per il nuovo anno. 

Il bonus casa, con tutte le sue sottocategorie, va dritto verso la conferma anche per il 2021. La legge di Bilancio in via di approvazione, infatti, prevede la convalida di tutta una serie di possibilità introdotte già quest’anno per la propria abitazione. Si tratta soprattutto di attività mirate all’edilizia e alla possibilità di ottenere incentivi importanti qualora ci dovessero essere interventi necessari.

Bonus casa: tutte le novità per il 2021

Pensioni Inps
Foto Pixabay

Partiamo infatti dal bonus ristrutturazioni: questa consiste nella detrazione fiscale del 50% per coloro che effettuano lavori edili straordinari, che sia per un intero condominio o per un singolo appartamento. In questo caso la detrazione è suddivisa in quote annuali spalmate su dieci anni in cui sarà rateizzato il pagamento attraverso la dichiarazione dei redditi.

Questo bonus dà vita pertanto a un rimborso corposo per un massimo di 96 mila euro per edificio su cui si è intervenuti. Il contribuente dovrà mostrare i bonifici effettuati presso la ditta specializzata e la fattura intestata per poter usufruire dell’iniziativa governativa.

Leggi anche: Bonus Covid 2019, confermate alcune misure anche per il prossimo anno

Esiste inoltre anche il bonus mobili ed elettrodomestici, per il quale subentra allo stesso modo una detrazione Irpef del 50% che sarà sempre spalmata in dieci anni. Il tetto massimo della spesa, in questo caso, è 10.000 euro. E’ possibile usufruirne acquistando mobili o elettrodomestici di classe A+, o solo A in caso di forni, destinati a edifici dove sono avvenuti dei lavori di ristrutturazione.

Attenzione inoltre anche all’ecobonus, il quale consente una detrazione fiscale sull’uso energetico sia di singoli edifici che dei condomini. In questo caso la scontistica può oscillare dal 50 al 65% per le proprietà oggetto di ristrutturazione edile. L’ecobonus riguarda tutto ciò che va in direzione del miglioramento termico dell’edificio, dunque pannelli solari, impianti di riscaldamento, pavimenti e infissi.

Guarda anche: Bollo Auto 2020, alcuni cittadini lo hanno pagato due volte: il motivo

C’è inoltre il bonus verde, il quale prevede una detrazione fiscale Irpef del 36%, che mira alla risistemazione di giardini, terrazzi o in generali aree verdi. La spesa massima prevista è di 5.000 euro divisa in 10 anni attraverso sempre la dichiarazione dei redditi. Prorogato anche il bonus facciate, il quale garantisce una detrazione lorda che porta al recupero del 90% della quota spesa ripartito in dieci quote annuali. In questo caso non c’è un budget massimo stabilito.