Pixabay

Molti contribuenti attendono il pagamento della Naspi per il mese di Dicembre. Vediamo nel dettaglio quando arriverà e come verificare lo stato dell’accredito. 

Sono in molti i contribuenti che al momento si chiedono quando arriverà il pagamento della Naspi previsto per Dicembre 2020.

E anche per quest’ultimo mese dell’anno, l’erogazione dell’importo dovrebbe avvenire entro il 15 del mese che risulta successivo a quello di competenza. Bisogna però segnalare che diversi utenti, beneficiari del sussidio di disoccupazione, hanno segnalato che per molti di loro l’accredito sul conto corrente della somma spettante è già avvenuto nella data di ieri 9 Dicembre 2020.

Chi invece non ha ancora ricevuto la somma dovuta, questa dovrebbe arrivare entro la data dell’11 Dicembre, anche se non è escluso che il pagamento della prestazione possa venire anche prima.

Leggi anche: Naspi, cambia tutto nella Legge di Bilancio: novità su terza proroga

Pagamento Naspi, come controllare data di accredito

Pixabay

I contribuenti che vogliono controllare quale sia la loro data di accredito prevista, possono recarsi sul sito istituzionale dell’Inps, accedendo all’area riservata del servizio.

Le credenziali da fornire, per poter verificare il pagamento della Naspi questo mese, sono SPID, CNS o CIE. A partire dalla data del 1 Ottobre 2020, l’Istituto di Previdenza ha smesso di rilasciare i Pin. Questo significa che potranno accedere tramite questo, esclusivamente i cittadini che lo hanno ricevuto entro la data del 30 Settembre 2020.

Nel momento in cui si accede all’area riservata Inps, accanto alla voce “Pagamento in corso” dovrebbe anche comparire al contribuente la data in cui gli sarà versata l’indennità di disoccupazione spettante. 

Leggi anche: Legge di Bilancio 2021, Blocco Licenziamenti prorogato fino a Marzo 2021

L’utente ha inoltre anche la possibilità di verificare la data di elaborazione della Naspi per il mese di Dicembre. Bisogna però tenere presente che tra l’elaborazione e il pagamento tende a passare qualche giorno, anche se di norma, non si supera il limite di una settimana.