Pixabay

Bonus Busta Paga, come funziona e chi ne ha diritto. Ha sostituito l’ex bonus Renzi da 80 euro di integrazione al reddito. 

Nella nuova legge di Bilancio, il governo ha confermato il taglio del cuneo fiscale anche per il prossimo anno. Questa misura ha sostituito il Bonus Renzi da 80 euro con un aumento nella busta paga del personale dipendente pari a 100 euro, riuscendo così anche ad ampliare la platea dei beneficiari rispetto al provvedimento del leader di Italia Viva.

E una nota pubblicata dall’Inps il 21 Agosto ha spiegato nel dettaglio in che termini si applica il taglio del cuneo fiscale, sottolineando come esistano due diverse agevolazioni fiscali in favore dei lavoratori dipendenti, attiva del mese di Luglio 2020. 

Tutti i lavoratori dipendenti che dichiarano un reddito d’importo che sia pari o inferiore a 28 mila euro hanno infatti diritto a un aumento pari a 100 euro mensili sulla busta paga che va considerato come reddito integrativo. E oltre a questo, possono usufruire anche di una detrazione dell’imposta lorda di 600 euro per un periodo compreso tra il 1 Luglio e il 31 Dicembre 2020. Lo sconto fiscale decresce fino ad annullarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a 40 mila euro. 

Leggi anche: Decreto Ristori Bis, raddoppiano i bonus a fondo perduto per le aziende

Bonus Busta paga, chi ne ha diritto

Pixabay

Hanno diritto a poter ricevere queste agevolazioni sulla busta paga:

  • i lavoratori dipendenti
  • tutti i redditi che possono essere assimilati al lavoro dipendente come ad esempio i compensi che derivano da una collaborazione continuata o le indennità che vengono solitamente riconosciute a lavoratori soci di una cooperativa

Nel taglio del cuneo fiscale  del 2021 sono inoltre prevista anche tutte le prestazioni di sostegno al reddito e di inclusione sociale: indennità di disoccupazione NASpl e DIS-COLL, trattamenti di disoccupazione agricola, assegno emergenziale della mobilità ordinaria previsto dal Fondo Credito e dal Fondo Credito Cooperativo, assegni integrativi NASpi previsti da Fondi di Solidarietà, assegno integrativo di mobilità ordinaria previsti dal Fondo del Trasporto Aereo, assegno di ricollocazione per titolari C.I.G, assegno per attività socialmente utili, congedo facoltativo e obbligatorio del padre, congedo parentale, crediti da lavoro, indennità antitubercolari, malattia indennità per momentanea inabilità assoluta dei lavoratori assicurati ex IPSEMA, permessi riconosciuti dalla legge, prestazioni di congedo straordinario, indennità di maternità. 

Leggi anche: Inps, in arrivo un bonus da 1.000 euro per alcune famiglie