Pixabay

Riforma Pensioni, l’Inps ha messo nero su bianco una serie di proposte per cambiare il nostro sistema previdenziale. 

È un momento complicato per il governo di affrontare il tema della riforma previdenziale.

Dopo la cancellazione di Quota 100, che verrà interrotta alla fine della sua sperimentazione triennale, l’esecutivo si ritrova nell’arduo compito di trovare delle soluzioni che eviti un ritorno alla legge Fornero che potrebbe far nuovamente infuriare i cittadini.

Negli ultimi giorni, l’Inps ha elaborato una serie di proposte per riformare il sistema previdenziale.

Leggi anche: Pensioni, assegni più bassi a partire dal 2021

Riforma Pensioni, le proposte dell’Inps

Pixabay

In primo luogo, l’Inps propone una pensione minima che possa essere garantita a tutti i futuri pensionati. Un modo per salvaguardare molti giovani entrati negli ultimi anni in un mercato del lavoro che offre carriere lavorative precarie e discontinue.

Una copertura di tutti quei vuoti contributivi che sono dovuti a carriere instabili.

Una tutela più specifica per i lavori usuranti e misure che consentano di aiutare i disoccupati sopra i 60 anni. Un’integrazione del montante contributivo in base all’entità di contribuzione.

L’introduzione di pensioni complementari anche utilizzando gli strumenti di previdenza complementare messi a disposizione da soggetti pubblici. Riduzione dell’età di accesso alla pensione e un nuovo coefficiente che risulti più vantaggioso per tutti coloro che svolgono lavori usuranti e gravosi. 

L’Istituto propone poi una modifica dell’importo soglia in modo da evitare di continuare a penalizzare chi si ritrova a lavorare in mezzo al precariato e con salari discontinui.  Aumento del requisito per accedere alla pensione anticipato in relazione all’aumento della speranza di vita.

Le restanti due proposte, esulano invece dal campo di attività all’Istituto e sono più che altro un invito al governo a risolvere due questioni sociali di un certo rilievo come la lotta per la parificazione salariale tra uomo e donna e una manovra che permetta di ridurre l’alto tasso di disoccupazione dei giovani.

Leggi anche: Pensioni, con la cancellazione di Quota 100 si torna alla legge Fornero?