Facebook, attenzione alla truffa che utilizza fake di Chiara Ferragni

Facebook, attenzione alla truffa che utilizza fake di Chiara Ferragni. All’utente viene chiesto con l’inganno di fornire i propri dati personali.

Il sito Proiezionidiborsa.it ha segnalato una nuova truffa in questi giorni che avviene tramite Facebook. Gli hacker sfruttano le immagini di persone molto famose nel mondo dello spettacolo, come ad esempio Chiara Ferragni ed Emma Marrone.

All’utente viene infatti mostrato un video che apparentemente sembra una delle classiche dirette di una di queste star mentre interagisce con i suoi fan. Accanto al video compare però una didascalia dove la celebrità in questione propone un’offerta irrinunciabile. Basterà rispondere a una semplice domanda e si potrà ottenere una ricompensa di cinquemila euro.

Ma affinché il premio in questione possa essere erogato, viene però spiegato all’utente che dovrà compilare un documento inserendo i propri dati personali tra cui anche il numero della carta di credito. Una volta completato questo passaggio, i truffatori hanno abbastanza elementi per tentare di svuotare il conto corrente della vittima. 

Leggi anche: Inps, attenzione alla truffa su internet a nome dell’Istituto

Depuratori d’acqua, segnalata una nuova truffa

Pixabay

Adiconsum, l’Associazione a Difesa dei Consumatori ha segnalato alcune settimane fa una nuova truffa sui depuratori d’acqua. È accaduto infatti che diversi consumatori negli ultimi mesi hanno iniziato a segnalare un fatto molto strano. Venivano infatti contattaci per telefono da una persona che si presentava come amico del capo della Polizia del luogo.

Dopo aver spiegato all’ascoltatore “le sue referenze” riusciva a farsi fissare un appuntamento in caso per verificare il grado di purezza dell’acqua. In seguito dopo aver svolto dei “misteriosi” controlli, questi illustrava al padrone di casa che i valori riscontrati erano nocivi per la salute, proponendo l’acquisto di un depuratore come unica soluzione possibile per risolvere il problema. Per fortuna, molti consumatori si sono subito insospettiti e in breve la truffa è venuta alla luce.

Leggi anche: WhatsApp, attenzione alla truffa del codice a sei cifre