Pixabay

Reddito di Cittadinanza, cosa fare in caso di taglio ingiustificato dell’importo. A chi rivolgersi in caso di decurtazioni sospette.

Il sito InvestireOggi.it ha raccontato di aver ricevuto una segnalazione da parte di un utente. Questi ha spiegato di essere un percettore del Reddito di Cittadinanza che si è ritrovato a subire, apparentemente senza motivo, una decurtazione dell’importo dell’assegno.

Un taglio inspiegabile, che supera di molto il 20 per cento di decurtazione previsto dalla misure in caso di somme non spese. Un quesito che ha portato il sito a chiedersi se esiste la possibilità che la carta del reddito di Cittadinanza possa essere clonata. 

Leggi anche: Il Reddito di Cittadinanza sta favorendo il Sud Italia?

Reddito di Cittadinanza, la carta può essere clonata?

Pixabay

Ed approfondendo la questione, si tratta di una possibilità che non può essere esclusa, anche se va precisato che non ci sono denunce in merito a questa possibile truffa informatica. Questo, nonostante le Poste Italiane possiedano di sistemi di sicurezza informatica molto efficienti.

Per questo, tutti coloro che percepiscono questo sussidio devono sempre prestare una particolare attenzione alle operazioni che risultano nell’estratto conto. Nel momento in cui il beneficiario nota delle spese sospette, che non sono state effettuate da lui, o da un altro componente del nucleo familiare, deve immediatamente bloccare la carta chiamando il numero 800.666.888 per poi andare a presentare una denuncia contro ignoti.

Questo passaggio, laddove fosse accertato l’illecito, permette  di venire rimborsati delle somme sottratte. InvestireOggi.it ha inoltre riferito che nella zona di Agrigento vi sono state alcune segnalazioni, attualmente al vaglio delle forze dell’ordine, in cui i cittadini sono convinto di essere stati vittima di clonazione della carta RdC.

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza, INPS pubblica istruzioni per il rinnovo