Sicurezza Alimentare, sequestrato lotto di uova contraffatte. Una scoperta fatta dal RAC dopo alcuni controlli eseguiti sul territorio di competenza. 

Nei giorni scorsi, il Reparto di Tutela Agroalimentare di Messina ha effettuato numerosi controlli all’interno di molte aziende del settore avicolo nel proprio territorio di competenza.

Nel Ragusano scoperto lotto di uova contraffatte

E in un’impresa che ha la sua sede nel ragusano, le forze dell’ordine hanno scoperto un lotto di uova che avevano una data di produzione che risultava successiva al giorno in cui era stata condotta l’ispezione. Inequivocabile prova che il carico in questione era stato contraffatto. I titolari dell’azienda sono stati così denunciati per tentata frode in commercio. In tutti, i lotti incriminati, hanno portato al sequestro di 5 mila uova. 

Leggi anche: Sicurezza alimentare, Nas chiude attività per violazione norme sanitarie

Vitamina C contro il coronavirus? Una ricerca ne ha studiato gli effetti

Che la Vitamina C abbia degli effetti benefici sul nostro organismo è qualcosa che la scienza ha scoperto molto tempo fa. Ma adesso, in piena pandemia, alcuni ricercatori si sono chiesti se questa non possa essere d’aiuto al nostro corpo nella lotta contro il coronavirus.

Lo studio in questione è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Frontiers Immunology”, e va subito precisato che non ha riportato delle evidenze scientifiche in merito che dimostrino che la Vitamina C possa in qualche modo contrastare l’infezione di coronavirus.

Il team interdisciplinare, a cui hanno preso parte medici e nutrizionisti, che ha curato il report ha però forniti alcuni spunti interessanti.  In particolare, gli esperti hanno posto l’accento sul fatto che le iniezioni in vena di Vitamina C, che vengono solitamente fatte in ospedale, potrebbero rivelarsi un trattamento farmacologico interessante e dunque da approfondire, per provare una cura alternativa e di prevenzioni alle polmoniti causate dal virus. 

Leggi anche: Allarme Federazioni Pediatri: “Bambini vere vittime del lockdown”